Azitromicina riduce il rischio di esacerbazione polmonare nella fibrosi cistica


Uno studio ha mostrato che l'Azitromicina riduce significativamente il rischio di esacerbazioni polmonari e ha portato a un miglioramento costante del peso corporeo, ma non ha avuto effetti sugli esiti microbiologici nei bambini con fibrosi cistica con infezione da Pseudomonas aeruginosa precoce.

Sono stati analizzati i dati dello studio OPTIMIZE ( Optimizing Treatment for Early Pseudomonas Aeruginosa Infection in Cystic Fibrosis ) per determinare se l'integrazione della terapia antimicrobica tradizionale con la soluzione per inalazione di Tobramicina possa ridurre il rischio di esacerbazione polmonare e infiammazione e quindi prolungare il tempo alla recidiva di Pseudomonas aeruginosa in pazienti con fibrosi cistica.

OPTIMIZE era uno studio clinico randomizzato multicentrico di 18 mesi, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto su bambini di età compresa tra 6 mesi e 18 anni con fibrosi cistica e Pseudomonas aeruginosa precoce.
I bambini hanno ricevuto Azitromicina oppure placebo 3 volte alla settimana più Tobramicina standard.

L'endpoint primario dello studio era il tempo alla esacerbazione polmonare che richiedeva antibiotici; l'endpoint secondario principale era il tempo alla recidiva di Pseudomonas aeruginosa.

In totale 221 partecipanti sono stati arruolati nello studio, 111 assegnati al placebo e 110 assegnati all'Azitromicina.

Rispetto al placebo, il rischio di esacerbazione polmonare è stato ridotto del 44% nei partecipanti che hanno ricevuto Azitromicina ( hazard ratio, HR=0.56; P=0.004 ).

Il peso corporeo è aumentato di 1.27 kg nel gruppo Azitromicina rispetto al gruppo placebo ( P=0.046 ).

Non sono stati rilevati problemi di sicurezza e non sono state trovate evidenze di una interazione clinica o microbiologica negativa tra Azitromicina e Tobramicina.
Tuttavia, non è stato trovato alcun beneficio significativo per gli endpoint microbiologici.

Lo studio si è concluso precocemente sulla base di un'analisi provvisoria prestabilita dell'efficacia per l'endpoint primario, che potrebbe avere informazioni limitate riguardo gli endpoint secondari.
Nonostante l'incapacità di trovare un ritardo nel tempo alla recidiva di Pseudomonas aeruginosa, si ritiene che la sicurezza a lungo termine della Azitromicina, e il ritardo alla riacutizzazione polmonare suggeriscano che l'Azitromicina potrebbe rappresentare una opzione terapeutica per i bambini con fibrosi cistica e infezione precoce da Pseudomonas aeruginosa. ( Xagena2018 )

Fonte: American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, 2018

Pneumo2018 Inf2018 Pedia2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

L'uso di Azitromicina ( Zitromax ) in una popolazione di giovani e di adulti di mezza età non sembra aumentare...


Le esacerbazioni di asma causano un burden di malattia globale sostanziale. Gli adulti con asma persistente incontrollato nonostante il trattamento di...


L'aggiunta di Azitromicina ( Zitromax ) ai regimi standard per la profilassi antibiotica prima del parto cesareo può ridurre ulteriormente...


L’infezione urogenitale da Chlamydia trachomatis rimane diffusa e provoca morbilità riproduttiva sostanziale. Studi recenti hanno sollevato preoccupazioni circa l'efficacia della...


L’Azitromicina ( Zithromax, Zitromax ) ha mostrato un alto tasso di fallimento tra i pazienti con infezione da Mycoplasma genitalium...


Molti bambini in età prescolare sviluppano ricorrenti, gravi episodi di malattia del tratto respiratorio inferiore ( LRTI ). Anche se...


Per i pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ), il trattamento con Azitromicina ( Zitromax et altri )...


L’uso di Azitromicina ( Zitromax, Zithromax ) è associato a un aumento del rischio di decesso per cause cardiovascolari nei...


L'uso di un comune antibiotico, Azitromicina ( Zitromax ), sembra aumentare significativamente il rischio di morte cardiaca improvvisa rispetto a...