Azitromicina può prolungare il tempo alla riospedalizzazione nei pazienti con BPCO


Per i pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ), il trattamento con Azitromicina ( Zitromax et altri ) potrebbe prolungare il tempo di riospedalizzazione, secondo un uno studio di ricercatori della University of Michigan.

L'impatto è stato evidente sia nel tempo a una successiva ospedalizzazione per tutte le cause sia nel tempo a un successivo ricovero per cause respiratorie, anche se l'impatto per l’ospedalizzazione respiratoria è stato leggermente più forte.

In un precedente studio controllato con placebo, 1 anno di terapia con Azitromicina ha ridotto le riacutizzazioni di BPCO ( N Engl J Med 2011; 365: 689-698 ). In quello studio, non vi era accenno al fatto che Azitromicina avesse prolungato il tempo alla successiva ospedalizzazione.
Per il tempo alla riacutizzazione, l'hazard ratio ( HR ) è stato di circa 0.7.

Questo studio non era statisticamente potenziato per determinare l'efficacia della Azitromicina nel prolungare il tempo a una successiva ospedalizzazione, ma ha evidenziato un beneficio potenziale.
Studi precedenti avevano dimostrato che la farmacoterapia può ridurre i tassi di riacutizzazione della BPCO, ma non avevano definitivamente dimostrato una riduzione delle ospedalizzazioni.

È stata condotta un'analisi post hoc dei dati.
Pazienti stabili di 40 anni o più che avevano avuto una riacutizzazione di BPCO nel corso dell'anno precedente, o che stavano utilizzando Ossigeno supplementare, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Azitromicina 250 mg una volta al giorno oppure placebo.

L’endpoint della analisi post hoc era il tempo alla riospedalizzazione durante il periodo di studio di 1 anno nei pazienti inizialmente ricoverati per polmonite, influenza, bronchite, asma, o una riacutizzazione di broncopneumopatia cronica ostruttiva.

Soggetti inclusi nella analisi post hoc avevano circa 65 anni di età e hanno avuto un volume espiratorio forzato in 1 secondo ( FEV1 ) di circa il 36% di quanto previsto.
Circa due terzi dei soggetti erano in terapia con Ossigeno, circa il 22% era in terapia con corticosteroidi per via inalatoria e beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ), e più della metà erano in terapia con questi farmaci più un farmaco antimuscarinico a lunga durata d’azione.

Il tempo a un ricovero per cause respiratorie è stato lo stesso per i gruppi Azitromicina e placebo ( 158 vs 158 giorni ).
Tuttavia, il tempo alla ospedalizzazione iniziale per qualsiasi causa è stato più lungo con Azitromicina rispetto al placebo ( 227 vs 198 giorni ).

C’è stato un trend non-significativo verso un tempo prolungato a una successiva ospedalizzazione per un problema respiratorio o per qualsiasi causa, dopo un ricovero respiratorio iniziale nel gruppo Azitromicina.

Non vi è stata alcuna differenza statisticamente significativa tra i due gruppi nel numero assoluto di pazienti che sono stati riospedalizzati nel corso dello studio.

I soggetti nuovamente ricoverati per un evento respiratorio sono stati simili nel gruppo Azitromicina ( n=30 ) e nel gruppo placebo ( n=48 ) in termini di età ( da 64 a 65 anni ), percentuale di FEV1 ( dal 35% al 36% ), sesso ( dal 58% al 71% uomini ) e farmaci assunti per via inalatoria.

È necessario uno studio prospettico randomizzato più grande per definire il numero assoluto di riduzioni delle ospedalizzazione e il numero necessario da trattare se Azitromicina avesse un effetto.

L'uso prolungato di antibiotici macrolidi, come l’Azitromicina, solleva problemi di sicurezza, compresa l'induzione di resistenza, la possibilità di cambiamenti nell'udito sottile e un possibile impatto sugli eventi cardiovascolari dal prolungamento QTc.

In questa analisi il possibile effetto benefico della Azitromicina ha cominciato ad apparire nell’intervallo 40-60 giorni; dopo questo periodo, le riospedalizzazioni si sono verificate approssimativamente con la stessa incidenza nei 2 gruppi.

Gli antibiotici possono giocare un ruolo importante nei pazienti con BPCO.
Questo dato sta diventando la norma nei pazienti con fibrosi cistica.
Dal punto di vista epidemiologico, una grave riacutizzazione di BPCO che porta al ricovero in ospedale comporta un rischio di mortalità a lungo termine simile a quello di un infarto miocardico acuto. ( Xagena2013 )

Fonte: American Thoracic Society ( ATS ) International Conference, 2013

Pneumo2013 Inf2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

L'uso di Azitromicina ( Zitromax ) in una popolazione di giovani e di adulti di mezza età non sembra aumentare...


Uno studio ha mostrato che l'Azitromicina riduce significativamente il rischio di esacerbazioni polmonari e ha portato a un miglioramento costante...


Le esacerbazioni di asma causano un burden di malattia globale sostanziale. Gli adulti con asma persistente incontrollato nonostante il trattamento di...


L'aggiunta di Azitromicina ( Zitromax ) ai regimi standard per la profilassi antibiotica prima del parto cesareo può ridurre ulteriormente...


L’infezione urogenitale da Chlamydia trachomatis rimane diffusa e provoca morbilità riproduttiva sostanziale. Studi recenti hanno sollevato preoccupazioni circa l'efficacia della...


L’Azitromicina ( Zithromax, Zitromax ) ha mostrato un alto tasso di fallimento tra i pazienti con infezione da Mycoplasma genitalium...


Molti bambini in età prescolare sviluppano ricorrenti, gravi episodi di malattia del tratto respiratorio inferiore ( LRTI ). Anche se...


L’uso di Azitromicina ( Zitromax, Zithromax ) è associato a un aumento del rischio di decesso per cause cardiovascolari nei...


L'uso di un comune antibiotico, Azitromicina ( Zitromax ), sembra aumentare significativamente il rischio di morte cardiaca improvvisa rispetto a...