Uso di Aspirina e morbilità respiratoria nella BPCO


L'uso dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) nella BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) è stato associato a una ridotta mortalità per tutte le cause nella meta-regressione con pochi studi equivoci.
Tuttavia, l'effetto dell'Aspirina sulla morbilità della BPCO non è noto.

L'uso quotidiano di Aspirina auto-riferito è stato ottenuto al basale dai partecipanti allo studio SPIROMICS con BPCO ( FEV1 / FVC inferiore al 70% ).
Le esacerbazioni acute della BPCO sono state accertate prospetticamente fino a 3 anni e classificate come moderate ( sintomi trattati con antibiotici o corticosteroidi orali ) o gravi ( che richiedevano visita al Pronto soccorso o ricovero ).

Gli utilizzatori di Aspirina sono stati abbinati uno a uno con i non-utilizzatori, in base al punteggio di propensione.
È stata studiata l'associazione tra uso di Aspirina con esacerbazioni acute, totali, di BPCO, moderate e gravi e l'associazione con i sintomi respiratori al basale, la qualità di vita e la tolleranza all'esercizio.

Tra 1.698 partecipanti, il 45% ha riportato l'uso quotidiano di Aspirina al basale. La corrispondenza per punteggio di propensione ha portato a 503 coppie di partecipanti.
I consumatori di Aspirina avevano un tasso di incidenza inferiore di esacerbazioni acute totali di BPCO ( rapporto del tasso di incidenza aggiustato, IRR, 0.78 ), con un effetto simile per le esacerbazioni acute moderate ma non-gravi ( IRR, 0.86 ).

L'uso di Aspirina è stato associato a un punteggio totale inferiore alla scala SGRQ ( St. George’s Respiratory Questionnaire ) ( beta, -2.2 ), riduzione delle probabilità di dispnea da moderata a grave ( punteggio alla scala MRCQ [ Medical Research Council Questionnaire ] modificata maggiore o uguale a 2; odds ratio aggiustato, aOR=0.69 ) e punteggio al test CAT ( COPD Assessment Test )( beta, -1.1 ) ma non la distanza percorsa a piedi in 6 minuti ( beta, 0.7 m ).

L'uso quotidiano di Aspirina è associato a una ridotta percentuale di esacerbazioni della BPCO, a una minore dispnea e a una migliore qualità di vita.
Sono necessari studi clinici randomizzati sull'uso dell'Aspirina nella BPCO per tenere conto dei fattori di confondimento non-misurati e residuali. ( Xagena2019 )

Fawzy A et al, Chest 2019; 155: 519-527

Pneumo2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

E' stata valutata e confrontata l'efficacia dell'impiego a lungo termine dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio per la...


L'impiego di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio è apparso associato a un rischio significativamente più basso di...


Sono necessarie ulteriori informazioni sugli effetti a lungo termine dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio ( 160 mg...


Lo studio COMPASS ( Cardiovascular Outcomes for People using Anticoagulation Strategies ) ha dimostrato che l'inibizione a doppia via (...


I test immunochimici fecali per l'emoglobina sono ampiamente utilizzati per lo screening del tumore del colon-retto ( CRC ). Studi...


Si è determinato se i disturbi ipertensivi della gravidanza aumentino il rischio di ictus a lungo termine nelle donne nel...


Nelle persone a rischio di malattie cardiovascolari, l'uso profilattico di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio riduce il...


I dati dello studio NAVIGATE ESUS hanno mostrato che nei pazienti con ictus embolico di origine indeterminata e aterosclerosi...


La monoterapia con un inibitore P2Y12 dopo un periodo minimo di doppia terapia antipiastrinica è un approccio emergente per ridurre...