Rivaroxaban più Aspirina versus Aspirina da sola in pazienti con precedente intervento coronarico percutaneo: studio COMPASS-PCI


Lo studio COMPASS ( Cardiovascular Outcomes for People using Anticoagulation Strategies ) ha dimostrato che l'inibizione a doppia via ( DPI ) con Rivaroxaban ( Xarelto ) 2.5 mg due volte al giorno più Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) 100 mg una volta al giorno versus Aspirina 100 mg una volta al giorno ha ridotto gli eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) di morte cardiovascolare, infarto del miocardio o ictus, nonché la mortalità, nei pazienti con sindromi coronariche croniche o arteriopatia periferica.
Non è noto se ciò sia vero nei pazienti con una storia di intervento coronarico percutaneo ( PCI ).

In un'analisi di sottogruppo prespecificata di COMPASS, sono stati esaminati gli esiti di pazienti con una sindrome coronarica cronica con o senza un PCI precedente trattati con inibizione a doppia via rispetto alla sola Aspirina.
Tra i pazienti con una precedente procedura PCI, sono stati studiati gli effetti del trattamento in base alle tempistiche del precedente intervento coronarico percutaneo.

Dei 27.395 pazienti in COMPASS, 16.560 con una sindrome coronarica cronica sono stati assegnati in modo casuale a inibizione della doppia via o Aspirina e, di questi, 9.862 ( 59.6% ) erano stati sottoposti in precedenza a PCI ( età media 68.2 anni, donne 19.4%, diabete mellito 35.7%, precedente infarto del miocardio 74.8%, PCI multivello 38.0% ).

Il tempo medio dall'intervento PCI alla randomizzazione è stato di 5.4 anni e il follow-up è stato di 1.98 anni.
Indipendentemente dalla precedente procedura PCI, l'inibizione a doppia via versus Aspirina ha prodotto consistenti riduzioni degli eventi MACE ( PCI: 4.0% vs 5.5%; hazard ratio, HR=0.74; nessun PCI: 4.4% vs 5.7%; HR=0.76, interazione P=0.85 ) e mortalità ( PCI: 2.5% vs 3.5%; HR=0.73; nessun PCI: 4.1% vs 5.0%; HR=0.80, interazione P=0.59 ), ma aumento del sanguinamento maggiore ( PCI: 3.3% vs 2.0%; HR=1.72; nessun PCI: 2.9% vs 1.8%; HR=1.58, interazione P=0.68 ).

Nei pazienti con PCI precedente, l'inibizione della doppia via rispetto all'Aspirina ha prodotto consistenti riduzioni degli eventi MACE indipendentemente dal tempo trascorso dal PCI precedente ( già da 1 anno e fino a 10 anni; interazione P=0.65 ), indipendentemente dal fatto di aver avuto in precedenza un infarto del miocardio ( interazione P=0.64 ).

La doppia inibizione con Rivaroxaban e Aspirina, rispetto alla sola Aspirina, ha prodotto consistenti riduzioni degli eventi MACE e della mortalità, ma con un aumento del sanguinamento maggiore con o senza una precedente procedura PCI.
Tra i pazienti con precedenti PCI a 1 anno e oltre, gli effetti sugli eventi MACE e sulla mortalità sono stati coerenti indipendentemente dal tempo trascorso dall'ultimo intervento coronarico percutaneo. ( Xagena2020 )

Bainey KR et al, Circulation 2020; 141: 1141-1151

Cardio2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

E' stata valutata e confrontata l'efficacia dell'impiego a lungo termine dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio per la...


La sindrome di Lynch è associata ad un aumentato rischio di tumore del colon-retto e a uno spettro più ampio...


La terapia antipiastrinica è raccomandata nei pazienti con aterosclerosi accertata. È stata confrontata la monoterapia con un inibitore P2Y12 rispetto...


L'impiego di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio è apparso associato a un rischio significativamente più basso di...


Sono necessarie ulteriori informazioni sugli effetti a lungo termine dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio ( 160 mg...


La nascita pretermine rimane una causa comune di mortalità neonatale, con un onere sproporzionatamente elevato nei Paesi a basso e...


Dallo studio THALES è emerso che Ticagrelor ( Brilique ) più Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) ha ridotto il rischio...


L'uso dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) nella BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) è stato associato a una ridotta mortalità...


I test immunochimici fecali per l'emoglobina sono ampiamente utilizzati per lo screening del tumore del colon-retto ( CRC ). Studi...