Associazione tra Aspirina per la prevenzione primaria ed eventi cardiovascolari e di sanguinamento


Il ruolo dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) nella prevenzione primaria cardiovascolare rimane controverso, con potenziali benefici limitati da un aumentato rischio di sanguinamento.
È stata valutata l'associazione dell'Aspirina per la prevenzione primaria con eventi cardiovascolari e di sanguinamento.

Sono stati inclusi studi clinici randomizzati che avevano arruolato almeno 1.000 partecipanti senza patologie cardiovascolari note e un follow-up di almeno 12 mesi.
Gli studi inclusi hanno confrontato l'uso di Aspirina e l’assenza di uso di Aspirina ( placebo o nessun trattamento ).

L'esito cardiovascolare primario era un composito di mortalità cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale e ictus non-fatale.
L'esito emorragico primario era qualsiasi sanguinamento maggiore definito dai singoli studi.

Sono stati inclusi in totale 13 studi randomizzati con 164.225 partecipanti con 1.050 511 anni-partecipante di follow-up. L'età media dei partecipanti allo studio era di 62 anni, 77.501 (47%) erano uomini, 30.361 (19%) avevano il diabete e il rischio mediano di base dell'esito cardiovascolare primario era del 10.2%.

L'uso di Aspirina è stato associato a riduzioni significative dell’esito cardiovascolare composito rispetto a nessuna Aspirina ( 60.2 per 10.000 anni-partecipante con Aspirina e 65.2 per 10.000 anni-partecipante senza Aspirina ) ( hazard ratio, HR=0.89, riduzione del rischio assoluto, 0.41%, numero necessario da trattare [ NNT ], 241 ).

L'uso di Aspirina è stato associato a un aumentato rischio di sanguinamenti maggiori rispetto all'assenza di Aspirina ( 23.1 ogni 10.000 anni-partecipante con Aspirina e 16.4 per 10.000 anni-partecipante senza Aspirina ) ( HR=1.43, aumento assoluto del rischio, 0.47%, numero necessario per avere un danno [ NNH ], 210 ).

L'uso dell'Aspirina in soggetti senza malattie cardiovascolari è stato associato a un minore rischio di eventi cardiovascolari e a un aumentato rischio di sanguinamento maggiore.
Queste informazioni possono informare le discussioni con i pazienti sull'Aspirina per la prevenzione primaria di eventi cardiovascolari e sanguinamento. ( Xagena2019 )

Zheng SL et al, JAMA 2019; 321: 277-287

Cardio2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Rivaroxaban ( Xarelto ) 2.5 mg due volte al giorno più Acido Acetilsalicilico ( Aspirina; ASA ) 100 mg ha...


E' stata valutata e confrontata l'efficacia dell'impiego a lungo termine dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio per la...


La sindrome di Lynch è associata ad un aumentato rischio di tumore del colon-retto e a uno spettro più ampio...


La terapia antipiastrinica è raccomandata nei pazienti con aterosclerosi accertata. È stata confrontata la monoterapia con un inibitore P2Y12 rispetto...


Dai nuovi dati dello studio THALES su pazienti con precedente ictus è emerso che il beneficio di Ticagrelor ( Brilique...


Tra i pazienti con attacco ischemico transitorio ( TIA ) o ictus ischemico minore, quelli con stenosi ipsilaterale di natura...


L'impiego di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio è apparso associato a un rischio significativamente più basso di...


Sono necessarie ulteriori informazioni sugli effetti a lungo termine dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) a basso dosaggio ( 160 mg...


Lo studio COMPASS ( Cardiovascular Outcomes for People using Anticoagulation Strategies ) ha dimostrato che l'inibizione a doppia via (...


L'effetto del singolo trattamento antiaggregante rispetto a quello doppio sugli eventi di sanguinamento e tromboembolici dopo l'impianto transcatetere di valvola...