L’esposizione prenatale a un ambiente rurale modifica la sensibilizzazione atopica alla nascita


Precedenti indagini cross-sezionali hanno indicato che l’esposizione materna alla desquamazione degli animali durante la gravidanza ha prodotto un effetto protettivo sulla sensibilizzazione atopica nei bambini fino all’età scolare.

Ricercatori dell’University Children's Hospital di Monaco di Baviera, in Germania, hanno valutato in modo prospettico gli effetti dell’esposizione materna alla desquamazione di animali e di altri elementi correlati alla vita rurale, nel corso della gravidanza, sui livelli IgE del cordone ombelicale, in una coorte di nascite.

Le donne incinte che vivevano nelle zone rurali di Austria, Finlandia, Francia, Germania e Svizzera sono state arruolate nel terzo trimestre di gravidanza.
L’informazione sull’esposizione materna agli elementi di vita rurale, sulla nutrizione e sulla salute durante la gravidanza, sono state ottenute mediante interviste.

I livelli di IgE specifiche per gli alimenti e per i comuni allergeni inalanti sono stati valutati nel cordone ombelicale di 922 bambini e nei campioni di sangue periferico delle loro madri.

Sono stati osservati different pattern di sensibilizzazione nel sangue del cordone ombelicale.

All’analisi multivariata è emerso che il consumo di latte bollito di fattoria ( ma non di quello non bollito ) durante la gravidanza era positivamente associato a IgE specifiche verso il latte di mucca, indipendentemente dalle IgE materne.
Al contrario, c’era una relazione inversa tra l’esposizione materna alla desquamazione di animali e i livelli di IgE nel cordone ombelicale verso allergeni stagionali ( odds ratio, OR aggiustato=0.38 ).

Il contatto materno con il fieno ha aumentato l’effetto protettivo dell’esposizione alla desquamazione degli animali sui livelli IgE ai pollini di graminacee nel cordone ombelicale. ( Xagena2008 )

Ege MJ et al, J Allergy Clin Immunol 2008; 122: 407-412


Gyne2008 Pedia2008


Indietro

Altri articoli

Il test degli anticorpi anti-peptide ciclico citrullinato ( anti-CCP2 ) di seconda generazione rileva la maggioranza ma non tutti gli anticorpi...


È stato effettuato uno studio sulla rosacea per definirne formalmente i contributi genetici e ambientali. È stata studiata una coorte...


Dalla fine del 2011, quando il lavoro scientifico di Don Poldermans è stato per la prima esaminato ci sono state...


La febbre mediterranea familiare è una malattia autoinfiammatoria causata da mutazioni del gene MEFV. È stato analizzato l'impatto di fattori...


Lo studio ATLANTIC aveva come obiettivo quello di determinare la tempistica ottimale per l’inizio della terapia antipiastrinica, valutando se Ticagrelor...


La crescita de novo dei follicoli piliferi nella pelle adulta avviene mediante un processo noto come neogenesi dei peli. Un...


Si sono voluti studiare i fattori di rischio medico e ambientale dell'alopecia cicatriziale centrifuga centrale, il tipo più comune di...


Il linfoma di Hodgkin rappresenta il più comune sottotipo di linfoma maligno nei giovani nel mondo occidentale. La maggior parte...


Sebbene i fattori ambientali e genetici possano contribuire alla eziologia del blefarospasmo, il loro contributo relativo nel causare blefarospasmo familiare...


Studi che hanno esaminato gli effetti combinati sulla salute di entrambe le componenti sono relativamente scarsi. E' stato condotto uno...