Il controllo del ritmo rispetto al controllo della frequenza nel management della fibrillazione atriale in ambiente ospedaliero


Uno studio di ricercatori della Duke University Medical Center a Durham, ha valutato la strategia di controllo del ritmo con la strategia del controllo della frequenza, e l’impiego di anticoagulanti.

I pazienti trattati con farmaci antiaritmici, o sottoposti ad ablazione, a cardioversione per fibrillazione atriale sono stati classificati come controllo del ritmo, mentre i pazienti trattati con beta-bloccanti, calcioantagonisti, Digossina, sono stati classificati come controllo della frequenza.

Sono state studiate 155.731 ospedalizzazioni. Di queste, il 48% si riferiva al controllo del ritmo, ed il 52% al controllo della frequenza.

Erano associati a più bassi odds di controllo del ritmo l’essere in cura da un medico non-cardiologo ( odd ratio aggiustato, OR= 0.33 ) e l’età superiore ai 65 anni ( OR aggiustato = 0.87 ).

La cardiomiopatia ipertrofica era associata ad un più grande odds ( OR aggiustato: 2.3 ) di controllo del ritmo.

L’impiego di Warfarin è risultato maggiore nel gruppo controllo del ritmo, rispetto al controllo della frequenza ( OR aggiustato =1.56 ), e l’uso dell’anticoagulante era maggiore con punteggio CHADS2 maggiore o uguale a 2 ( OR non aggiustato:1.21 ).

In conclusione, le strategie per il controllo del ritmo e della frequenza sono impiegate in ugual misura nei pazienti ospedalizzati per fibrillazione atriale.
Il maggior uso della strategia per il controllo della frequenza con l’aumento dell’età, era in linea con le raccomandazioni, ma altre, come il minor impiego del Warfarin nel controllo della frequenza, non lo erano. ( Xagena2008 )

Allen La Pointe NM et al, Am J Cardiol 2008; 101 : 1134-1141


Cardio2008


Indietro

Altri articoli

Il test degli anticorpi anti-peptide ciclico citrullinato ( anti-CCP2 ) di seconda generazione rileva la maggioranza ma non tutti gli anticorpi...


È stato effettuato uno studio sulla rosacea per definirne formalmente i contributi genetici e ambientali. È stata studiata una coorte...


Dalla fine del 2011, quando il lavoro scientifico di Don Poldermans è stato per la prima esaminato ci sono state...


La febbre mediterranea familiare è una malattia autoinfiammatoria causata da mutazioni del gene MEFV. È stato analizzato l'impatto di fattori...


Lo studio ATLANTIC aveva come obiettivo quello di determinare la tempistica ottimale per l’inizio della terapia antipiastrinica, valutando se Ticagrelor...


La crescita de novo dei follicoli piliferi nella pelle adulta avviene mediante un processo noto come neogenesi dei peli. Un...


Si sono voluti studiare i fattori di rischio medico e ambientale dell'alopecia cicatriziale centrifuga centrale, il tipo più comune di...


Il linfoma di Hodgkin rappresenta il più comune sottotipo di linfoma maligno nei giovani nel mondo occidentale. La maggior parte...


Sebbene i fattori ambientali e genetici possano contribuire alla eziologia del blefarospasmo, il loro contributo relativo nel causare blefarospasmo familiare...


Studi che hanno esaminato gli effetti combinati sulla salute di entrambe le componenti sono relativamente scarsi. E' stato condotto uno...