Esposizione prenatale agli idrocarburi policiclici aromatici, fumo di tabacco ambientale e asma


In precedenti studi, è stato riportato che l'esposizione prenatale agli idrocarburi policiclici aromatici e al fumo di tabacco ambientale post-natale in combinazione è stata associata a sintomi respiratori all’età di 1 e 2 anni.

È stato svolto uno studio per verificare l’ipotesi che i bambini esposti sia agli idrocarburi policiclici aromatici che al fumo di tabacco ambientale nel periodo prenatale possano essere maggiormente a rischio di asma e sieroatopia all’età di 5-6 anni, dopo controllo dell’esposizione attuale all’inquinamento.

È stato misurata l’esposizione prenatale agli idrocarburi policiclici aromatici con monitoraggio personale dell'aria nell’arco di 48 ore.
L’esposizione al fumo di tabacco ambientale, i sintomi respiratori e l’asma all’età di 5-6 anni sono stati valutati mediante questionario.
Le immunoglobuline IgE sono state misurate con Immunocap.

È stata rilevata una significativa interazione tra esposizione prenatale agli idrocarburi policiclici aromatici ed esposizione prenatale ( ma non post-natale ) al fumo passivo, con effetto sull’asma ( P minore di 0.05 ), ma non sulle IgE.

Tra i bambini esposti al fumo passivo prenatale, è stata trovata un’associazione positiva non-significativa tra esposizione prenatale agli idrocarburi policiclici aromatici e asma ( odds ratio, OR=1.96 ).
Tra i bambini senza esposizione prenatale al fumo, è stata rilevata un’associazione negativa non-significativa tra esposizione prenatale agli idrocarburi policiclici aromatici e asma ( OR=0.65 ).
L’esposizione prenatale agli idrocarburi policiclici aromatici non è stata associata all’asma o alle IgE all'età di 5-6 anni.

In conclusione, l'esposizione prenatale combinata agli idrocarburi policiclici aromatici e al fumo di tabacco ambientale è apparsa essere associata all’asma, ma non alla sieroatopia all'età di 5-6 anni.
L'esposizione agli idrocarburi policiclici aromatici da soli non è risultata associata né all’asma né alla sieroatopia all'età di 5-6 anni.
Sono necessari ulteriori studi per discernere gli effetti differenziali tra bambini esposti o non-esposti al fumo di tabacco ambientale. ( Xagena2010 )

Rosa MJ et al, Respir Med 2010; Epub ahead of print



Pneumo2010 Pedia2010



Indietro

Altri articoli

Il test degli anticorpi anti-peptide ciclico citrullinato ( anti-CCP2 ) di seconda generazione rileva la maggioranza ma non tutti gli anticorpi...


È stato effettuato uno studio sulla rosacea per definirne formalmente i contributi genetici e ambientali. È stata studiata una coorte...


Dalla fine del 2011, quando il lavoro scientifico di Don Poldermans è stato per la prima esaminato ci sono state...


La febbre mediterranea familiare è una malattia autoinfiammatoria causata da mutazioni del gene MEFV. È stato analizzato l'impatto di fattori...


Lo studio ATLANTIC aveva come obiettivo quello di determinare la tempistica ottimale per l’inizio della terapia antipiastrinica, valutando se Ticagrelor...


La crescita de novo dei follicoli piliferi nella pelle adulta avviene mediante un processo noto come neogenesi dei peli. Un...


Si sono voluti studiare i fattori di rischio medico e ambientale dell'alopecia cicatriziale centrifuga centrale, il tipo più comune di...


Il linfoma di Hodgkin rappresenta il più comune sottotipo di linfoma maligno nei giovani nel mondo occidentale. La maggior parte...


Sebbene i fattori ambientali e genetici possano contribuire alla eziologia del blefarospasmo, il loro contributo relativo nel causare blefarospasmo familiare...


Studi che hanno esaminato gli effetti combinati sulla salute di entrambe le componenti sono relativamente scarsi. E' stato condotto uno...