Effetto della Rivastigmina in aggiunta al trattamento standard con Aloperidolo sulla durata del delirio e mortalità nei pazienti in condizioni critiche


Il delirio è diagnosticato frequentemente in pazienti in condizioni critiche ed è associato ad esito avverso e una diminuita neurotrasmissione colinergica sembra giocare un importante ruolo nello sviluppo del delirio.

Uno studio ha stabilito l'effetto dell'inibitore della colinesterasi Rivastigmina ( Exelon ) sulla durata del delirio nei pazienti in condizioni critiche.

Pazienti ( età maggiore o uguale a 18 anni ) con diagnosi di delirio sono stati arruolati in 6 Unità di terapia intensiva in Olanda e sottoposti a trattamento nel periodo 2008-2010.

I pazienti sono stati randomizzati in rapporto 1:1 a ricevere una dose crescente di Rivastigmina o placebo, a partire da 0.75 mL ( 1.5 mg Rivastigmina ) 2 volte al giorno e con aumenti crescenti fino a 3 mL ( 6 mg Rivastigmina ) 2 volte al giorno dal giorno 10 in poi in aggiunta al trattamento standard basato su Aloperidolo ( Serenase ).

L'esito primario era la durata del delirio durante il ricovero in ospedale e l'analisi è stata condotta per intention-to-treat.

La durata del delirio non è stata resa nota per i pazienti deceduti o dimessi dall'ospedale con delirio.

I pazienti, l'equipe medica e i ricercatori non erano a conoscenza del gruppo di trattamento.
Sono state effettuate analisi ad interim ogni 3 mesi.

Era stato pianificato l’arruolamento di 440 pazienti; dopo l'inclusione di 104 persone con delirio risultate idonee per l'analisi per intention-to-treat ( n=54 nel gruppo Rivastigmina, n=50 nel gruppo placebo ), il Data Safety and Monitoring Board ( DSMB ) ha raccomandato l'interruzione dello studio poichè la mortalità nel gruppo Rivastigmina ( n=12, 22% ) è risultata più alta che nel gruppo placebo ( n=4, 8%; p=0.07 ).

La durata mediana del delirio è risultata più lunga nel gruppo Rivastigmina ( 5.0 giorni ) che nel gruppo placebo ( 3.0 giorni; p=0.06 ).

In conclusione, la Rivastigmina non ha ridotto la durata del delirio ma potrebbe aver aumentato la mortalità.
Sulla base di questi dati non e possibile raccomandare l'uso di Rivastigmina per il trattamento del delirio nei pazienti in condizioni critiche. ( Xagena2010 )

van Eijk MM et al, Lancet 2010; 376: 1829-1837


Psyche2010 Farma2010


Indietro

Altri articoli

I risultati di una ampia metanalisi di rete hanno rilevato che la combinazione Aloperidolo ( Serenase ) più Lorazepam (...


Vi sono dati contrastanti sugli effetti dei farmaci antipsicotici sul delirio in pazienti nell'Unità di terapia intensiva ( ICU )....


Il delirio viene diagnosticato frequentemente in pazienti critici ed è associato ad esiti clinici non-favorevoli.Aloperidolo ( Haldol, Serenase ) è...


I farmaci antipsicotici di seconda generazione possono causare aumenti dei livelli di lipidi nel sangue in misura maggiore rispetto ai...


I servizi sanitari gestiscono spesso persone agitate o violente e per i servizi di emergenza psichiatrica questo tipo di comportamento...


Tra gli antipsicotici di prima generazione, l’Aloperidolo ( Haldol, Serenase ) rappresenta uno dei farmaci più utilizzati per la gestione...


L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha emesso un alert riguardo all’Aloperidolo ( Haldol; in Italia anche Serenase )...


Uno studio ha confrontato l’efficacia nel lungo periodo del Risperidone ( Risperdal ) nei confronti dell’Aloperidolo ( Haldol, Serenase )...


Uno studio condotto in 17 Centri del Department of Veternas Affairs tra il 1998 ed il 2000 ha valutato...