Studio PERSIST: maggiore persistenza del trattamento con Ibandronato 1 volta-mese rispetto ad Alendronato 1 volta-settimana


L’aderenza al trattamento con bifosfonati e la persistenza sono sotto-ottimali nell’osteoporosi.

Lo studio PERSIST ( PERsistence Study of Ibandronate verSus alendronaTe ), della durata di 6 mesi, ha confrontato la permanenza del trattamento nelle donne in postmenopausa con osteoporosi, trattate con Ibandronato ( Boniva/Bonviva ) una volta al mese in associazione ad un Programma di Supporto per il Paziente ( PSP ), oppure con Alendronato ( Fosavance ) una volta a settimana.

Per evitare percentuali di persistenza falsamente elevate, spesso associate agli studi clinici, lo studio PERSIST è stato disegnato in modo da riflettere la pratica clinica quotidiana in Gran Bretagna, limitando le visite di follow-up ad un ambiente di cura primaria ( medicina di base ).

L’analisi dell’endpoint primario ha mostrato che la persistenza era significativamente più elevata nel gruppo Ibandronato/PSP rispetto al gruppo Alendronato ( p< 0.0001 ).

La proporzione stimata dei pazienti che sono rimasti in trattamento a 6 mesi è stata del 56.6% nel gruppo Ibandronato/PSP e del 38.6% nel gruppo Alendronato.
Rispetto all’Alendronato è stato osservato un miglioramento relativo del 47% nella proporzione dei pazienti che rimanevano in terapia con Ibandronato/PSP.

Le misure dell’endpoint secondario riguardo all’aderenza ( es. proporzione dei pazienti rimasti in trattamento alla fine dello studio, proporzione dei pazienti che hanno interrotto lo studio ) sono risultate maggiormente favorevoli per l’Ibandronato.

Lo studio PERSIST ha dimostrato che la persistenza del trattamento era aumentata nei pazienti che hanno ricevuto Ibandronato 1 volta al mese con un Programma di Supporto per il Paziente rispetto all’Alendronato 1 volta a settimana. ( Xagena2006 )

Cooper A et al, Int J Clin Pract 2006; Epub ahead of print

Endo2006 Farma2006


Indietro

Altri articoli

L'osteoporosi è sottotrattata nei pazienti che presentano una frattura dell'anca e l'uso dell'Alendronato ( Fosamax ) in questi individui è associato a...


Romosozumab è un anticorpo monoclonale che lega e inibisce la sclerostina, aumenta la formazione ossea e diminuisce il riassorbimento osseo. Sono...


Denosumab ( Prolia ) ha dimostrato di ridurre le nuove fratture vertebrali, non-vertebrali e dell'anca nelle donne in postmenopausa con...


L’osso corticale, l'elemento dominante dello scheletro umano per volume, svolge un ruolo chiave nella protezione delle ossa dalle fratture. Un...


L'osteoporosi con conseguente fratture ossee è una complicanza nei pazienti con cirrosi biliare primaria. Alendronato una volta alla settimana migliora...


Per le donne con osteoporosi, il tasso di fratture vertebrali a livelli adiacenti è relativamente basso, con ridotta probabilità con...


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) induce la perdita di densità minerale ossea ( BMD ) e aumenta...


Uno studio osservazionale ha mostrato che dopo 2 anni, sia Risedronato ( Actonel ) sia Alendronato ( Fosamax ) hanno...


Merck, nota come MSD al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, ha annunciato i risultati di uno studio...


Alendronato ( Fosamax ) è un potente bifosfonato con una prolungata durata d’azione. Recenti report hanno trovato che nei...