Osteoporosi postmenopausale: Odanacatib, un inibitore della catepsina K, aumenta la densità minerale ossea nelle donne precedentemente trattate con Alendronato


Merck, nota come MSD al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, ha annunciato i risultati di uno studio di fase II riguardante Odanacatib, un inibitore della catepsina K ( cat-K ) in fase di sviluppo, per il trattamento della osteoporosi nelle donne in post-menopausa.
I risultati sono stati presentati al 34° Meeting Annuale della American Society for Bone and Mineral Research ( ASBMR ).

Nello studio, il trattamento con Odanacatib ( rispetto al placebo ) ha aumentato in modo significativo la densità minerale ossea ( BMD ) in un periodo di 2 anni nelle donne in postmenopausa con osteoporosi che in precedenza avevano avuto un trattamento di 3 o più anni con Alendronato ( Fosamax ).
Le pazienti per essere arruolate nello studio dovevano aver interrotto il trattamento con Alendronato da almeno 3 mesi.

Uno studio, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, multicentrico, ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Odanacatib dopo trattamento con Alendronato.
Nello studio di 24 mesi, 243 donne con osteoporosi post-menopausa che erano state precedentemente trattate con Alendronato ( somministrazione giornaliera o settimanale ) per 3 o più anni, hanno ricevuto Odanacatib.

Le donne partecipanti avevano almeno 60 anni di età con basso punteggio T di densità minerale ossea ( minore o uguale a -2.5 e maggiore di -3.5 ) in qualsiasi sito dell'anca ( collo del femore, del trocantere, o anca totale ) senza una storia di fratture da fragilità, o avevano un punteggio T di densità minerale ossea inferiore o uguale a -1.5 e superiore a -3.5 a qualsiasi sito dell'anca, con una storia di frattura da fragilità ( ad eccezione di frattura dell'anca ).

I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere Odanacatib 50 mg una volta a settimana oppure placebo per 24 mesi. Tutti i pazienti hanno ricevuto Vitamina D3 ( 5600 UI/settimana) e anche la supplementazione di Calcio, se necessario.

Lo studio ha valutato gli effetti di Odanacatib 50 mg una volta alla settimana su: cambiamento BMD dal basale a livello del collo del femore rispetto al placebo in 24 mesi ( endpoint primario ); BMD del collo del femore rispetto al valore iniziale nell’arco di 24 mesi ( endpoint secondario principale ); BMD a livello del trocantere dell’anca, anca, colonna vertebrale lombare e l'estremo distale dell’avambraccio; marcatori biochimici di riassorbimento e di formazione ossea ai mesi 12 e 24; valutazione clinica e di laboratorio riguardo a sicurezza e tollerabilità

La densità minerale ossea è stata valutata mediante DXA ( assorbimetria a raggi X a doppia energia ) al basale, a 6, 12 e 24 mesi.

Lo studio non era stato progettato per valutare l'effetto di Odanacatib sulle fratture.

I risultati hanno mostrato che Odanacatib aumenta in modo significativo la densità minerale ossea, rispetto al placebo. Nel gruppo Odanacatib, i cambiamenti della densità minerale ossea dal basale a 24 mesi è risultata significativamente diversa rispetto al placebo in tutti e tre i siti dell'anca ( +1.73%, +1.83%, +0.83% per il collo del femore, trocantere della anca e della anca in toto, rispettivamente, vs -0.94%, -1.35%, -1.87% con placebo ), e la colonna lombare ( 2.28% versus -0.30% con il placebo ).
All’estremo distale dell’avambraccio, i cambiamenti della densità minerale ossea dal basale a 24 mesi sono stati: -0.92% e -1.14%. La differenza rispetto al placebo nella parte distale dell’avambraccio ( +0.22% ) non è risultata statisticamente significativa.

L'incidenza complessiva di eventi avversi, tra cui quelli che sono stati considerati correlati al farmaco o gravi, è risultata simile tra i gruppi di trattamento. L'interruzione del trattamento a causa di eventi avversi è stata del 9.0% per le pazienti trattate con Odanacatib e del 3.3% per le pazienti che hanno assunto placebo.
Gli eventi clinici avversi più comuni nelle pazienti trattate con Odanacatib e placebo, rispettivamente, sono stati: infezione del tratto urinario ( 11.5% vs 16.5% ), mal di schiena ( 11.5% vs 9.9% ), artralgia ( 9.0% vs 9.9% ), fratture ( 4.9% vs 13.2% ), bronchite ( 5.7% vs 4.1% ), nasofaringite ( 3.3% vs 5.8% ) e infezione del tratto respiratorio superiore ( 4.1% vs 0.8% ).

Nella osteoporosi, la perdita ossea si verifica a causa di uno squilibrio nel rimodellamento osseo ( il tasso di riassorbimento osseo supera quello della formazione ossea ). Gli osteoclasti, cellule che riassorbono l'osso, secernono fattori di segnalazione per stimolare gli osteoblasti, cellule che formano l'osso.
Odanacatib inibisce selettivamente cat-K, l'enzima che negli osteoclasti promuove la degradazione delle proteine durante il riassorbimento osseo. ( Xagena2012 )

Fonte: Merck & Co, 2012

Endo2012 Gyne2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

L'osteoporosi è sottotrattata nei pazienti che presentano una frattura dell'anca e l'uso dell'Alendronato ( Fosamax ) in questi individui è associato a...


Romosozumab è un anticorpo monoclonale che lega e inibisce la sclerostina, aumenta la formazione ossea e diminuisce il riassorbimento osseo. Sono...


Denosumab ( Prolia ) ha dimostrato di ridurre le nuove fratture vertebrali, non-vertebrali e dell'anca nelle donne in postmenopausa con...


L’osso corticale, l'elemento dominante dello scheletro umano per volume, svolge un ruolo chiave nella protezione delle ossa dalle fratture. Un...


L'osteoporosi con conseguente fratture ossee è una complicanza nei pazienti con cirrosi biliare primaria. Alendronato una volta alla settimana migliora...


Per le donne con osteoporosi, il tasso di fratture vertebrali a livelli adiacenti è relativamente basso, con ridotta probabilità con...


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) induce la perdita di densità minerale ossea ( BMD ) e aumenta...


Uno studio osservazionale ha mostrato che dopo 2 anni, sia Risedronato ( Actonel ) sia Alendronato ( Fosamax ) hanno...


Alendronato ( Fosamax ) è un potente bifosfonato con una prolungata durata d’azione. Recenti report hanno trovato che nei...