Alendronato può ridurre il rischio di eventi cardiovascolari dopo frattura dell'anca


L'osteoporosi è sottotrattata nei pazienti che presentano una frattura dell'anca e l'uso dell'Alendronato ( Fosamax ) in questi individui è associato a un rischio ridotto di mortalità cardiovascolare, infarto miocardico e ictus, in base ai risultati di uno studio di coorte retrospettivo.

È stato esaminato il rischio di eventi cardiovascolari con e senza l'uso di Alendronato nei pazienti con frattura dell'anca utilizzando un database gestito dalla Hong Kong Hospital Authority.
I pazienti a cui è stata diagnosticata una frattura dell'anca tra il 2005 e il 2013 sono stati seguiti fino al 2016.

È stato esaminato l'uso di Alendronato e di altri farmaci anti-osteoporosi.
I pazienti trattati e non-trattati sono stati abbinati in base a punteggi di propensione dipendenti dal tempo.
I risultati sono stati valutati a 1, 3, 5 e 10 anni al fine di esaminare le associazioni nel tempo.

Dei 34.991 pazienti con frattura dell'anca di nuova diagnosi, il 13.2% aveva ricevuto una terapia anti-osteoporosi durante il follow-up.
In totale 4.594 pazienti trattati sono stati abbinati a 13.568 pazienti non-trattati.

Né il funzionamento fisico né la prospettiva di sopravvivenza differivano significativamente tra i partecipanti trattati e quelli non-trattati.

Il trattamento con Alendronato è stato associato a un rischio significativamente più basso di mortalità cardiovascolare a 1 anno ( hazard ratio, HR=0.33; P=0.001 ) e infarto miocardico incidente ( HR=0.55; P=0.014 ).

Inoltre, una riduzione marginalmente significativa del rischio di ictus è stata osservata a 5 anni ( HR=0.82, P=0.049 ) e a 10 anni ( HR=0.83, P=0.065 ).

Sebbene la forza dell'associazione sia diminuita nel tempo, è rimasta statisticamente significativa.

Ulteriori studi in altre popolazioni e studi randomizzati sono giustificati al fine di comprendere ulteriormente la relazione tra l'uso di vari farmaci anti-osteoporosi e il rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti con frattura dell'anca. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of Bone and Mineral Research, 2018

Reuma2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Romosozumab è un anticorpo monoclonale che lega e inibisce la sclerostina, aumenta la formazione ossea e diminuisce il riassorbimento osseo. Sono...


Denosumab ( Prolia ) ha dimostrato di ridurre le nuove fratture vertebrali, non-vertebrali e dell'anca nelle donne in postmenopausa con...


L’osso corticale, l'elemento dominante dello scheletro umano per volume, svolge un ruolo chiave nella protezione delle ossa dalle fratture. Un...


L'osteoporosi con conseguente fratture ossee è una complicanza nei pazienti con cirrosi biliare primaria. Alendronato una volta alla settimana migliora...


Per le donne con osteoporosi, il tasso di fratture vertebrali a livelli adiacenti è relativamente basso, con ridotta probabilità con...


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) induce la perdita di densità minerale ossea ( BMD ) e aumenta...


Uno studio osservazionale ha mostrato che dopo 2 anni, sia Risedronato ( Actonel ) sia Alendronato ( Fosamax ) hanno...


Merck, nota come MSD al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, ha annunciato i risultati di uno studio...


Alendronato ( Fosamax ) è un potente bifosfonato con una prolungata durata d’azione. Recenti report hanno trovato che nei...