Il trattamento con Alemtuzumab in pazienti con mielodisplasia intermedia-1 è associato a miglioramento sostenuto nelle conte ematiche e nelle remissioni citogenetiche


Le sindromi mielodisplastiche sono caratterizzate da una ematopoiesi inefficace e da progressione a leucemia.
Dati clinici e sperimentali suggeriscono una patofisiologia immuno-mediata in alcuni pazienti nei quali la terapia immunosoppressiva con Globulina equina antitimocita e Ciclosporina può risultare efficace.

A causa delle tossicità associate a questa terapia, è stato condotto uno studio per valutare un regime alternativo con Alemtuzumab ( MabCampath ) nelle sindromi mielodisplastiche.

Lo studio pilota, non randomizzato, off-label, di fase I/II in monoterapia con Alemtuzumab ha coinvolto pazienti con sindromi mielodisplastiche per i quali è stata giudicata probabile una risposta alla terapia immunosoppressiva e che rispondevano ai seguenti criteri: pazienti HLA-DR15-negativi per i quali la somma dell'età più il numero di mesi di dipendenza da trasfusione di eritrociti fosse inferiore a 58 e pazienti HLA-DR15-positivi per i quali la somma dell'età più il numero di mesi di dipendenza da trasfusione di eritrociti fosse inferiore a 72.

In totale, sono stati valutati 121 pazienti con sindromi mielodisplastiche e 32 di loro sono risultati idonei in base ai criteri predefiniti a ricevere Alemtuzumab 10 mg/giorno per via intravenosa per 10 giorni.

Gli endpoint primari erano le risposte ematologiche a 3, 6 e 12 mesi dopo Alemtuzumab.

Il 77% ( n=17) dei 22 pazienti con malattia intermedia-1 valutabili e il 57% ( n=4 ) dei 7 pazienti con malattia intermedia-2 hanno risposto al trattamento con un tempo mediano alla risposta di 3 mesi.

Quattro dei 7 pazienti che hanno mostrato risposta con anomalie citogenetiche prima del trattamento hanno mostrato caratteristiche genetiche normali dopo 1 anno dal trattamento.

Il 56% ( n=5 ) dei 9 pazienti responder, valutabili a 12 mesi, ha mostrato conte ematiche normali e il 78% ( n=7 ) era indipendente dalle trasfusioni.

In conclusione, Alemtuzumab è sicuro e attivo nelle sindromi mielodisplastiche e potrebbe rappresentare un'interessante alternativa alla Globulina antitimocita in un gruppo selezionato di pazienti con buone probabilità di rispondere a terapia immunosoppressiva. ( Xagena2010 )

Sloand EM et al, J Clin Oncol 2010; 28: 5166-5173



Emo2010 Farma2010


Indietro

Altri articoli

È stato descritto che il trattamento dei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente ( RRMS ) con Alemtuzumab ( Lemtrada )...


Alemtuzumab ( Lemtrada ), un anticorpo anti-CD52, ha dimostrato di essere più efficace dell'Interferone beta-1a nel trattamento della sclerosi multipla...


Sono stati pubblicati due casi di grave infiammazione a livello del sistema nervoso centrale dopo terapia con Alemtuzumab (...


La leucemia linfocitica granulare a grandi cellule T ( T-LGL ) è una malattia linfoproliferativa che si presenta con citopenia...


Alemtuzumab ( Lemtrada ) ha dimostrato di revertire alcune delle disabilità fisiche associate alla sclerosi multipla recidivante-remittente. Alemtuzumab è un anticorpo...


I pazienti con leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico ( CLL ) che richiedono terapia iniziale sono spesso anziani...


La leucemia linfatica cronica ( CLL ) recidivata / refrattaria rappresenta una sfida clinica, in particolare quando si verificano mutazioni...


Lo studio randomizzato di fase 3 HOVON 68 CLL ( Haemato Oncology Foundation for Adults in The Netherlands 68 )...


I risultati intermedi del secondo anno dello studio di estensione di Alemtuzumab ( Lemtrada ) per la sclerosi multipla sono...


Alemtuzumab ( Lemtrada ), un anticorpo monoclonale anti-CD52, ha aumentato il rischio di disfunzione tiroidea nello studio di fase 2...