Efficacia e sicurezza a lungo termine di Alemtuzumab nei linfomi cutanei a cellule T avanzati primari


Alemtuzumab ( Campath, MabCampath ) è stato proposto come terapia di salvataggio per i linfomi cutanei a cellule T ( CTCL ) refrattari.
I dati di follow-up a lungo termine sono scarsi.
Per valutare l'efficacia e la sicurezza di Alemtuzumab nel trattamento di linfomi cutanei a cellule T avanzati è stata effettuata una analisi retrospettiva di 39 pazienti affetti da questo tipo di tumore in stadio avanzato trattati con Alemtuzumab tra il 2003 e il 2013.

I pazienti ( età media, 62 anni ) con sindrome di Sézary ( SS, n=23 ) o micosi fungoide avanzata ( MF, n=16 ) hanno ricevuto Alemtuzumab 30 mg 2-3 volte a settimana per una durata mediana di 12 settimane.
15 pazienti hanno ricevuto una terapia di mantenimento per una durata media di 24 settimane.
11 pazienti ( 28% ) avevano malattia trasformata ( MF, n=10; SS, n=1 ).

Dopo un follow-up medio di 24 mesi, 8 pazienti ( 21% ) erano ancora vivi.

Il tasso di risposta globale è stato del 51% nell’intero gruppo di studio ( risposta parziale, n=13; risposta completa, n=7 ), del 70% nei pazienti con sindrome di Sézary e del 25% nei pazienti con micosi fungoide ( P=0.009 ).

Il tempo medio alla progressione è stato di 3.4 mesi; 6 pazienti ( 15%; SS, n=5; MF, n=1 ) sono rimasti liberi da progressione per più di 2 anni ( media, 56 mesi ); 5 pazienti hanno sviluppato la trasformazione a grandi cellule T durante il trattamento con Alemtuzumab e 1 paziente ha sviluppato un linfoma cutaneo primario a grandi cellule B.

Ventiquattro pazienti ( 62% ) hanno avuto un evento infettivo avverso di grado 3 o superiore; 10 ( 26% ) pazienti hanno manifestato una tossicità ematologica che ha portato alla sospensione del trattamento in 17 casi ( 44% ) e alla morte in 2 ( 5% ).

In conclusione, Alemtuzumab può indurre remissioni a lungo termine nella sindrome di Sézary, ma non sembra efficace nella micosi fungoide e nel linfoma cutaneo a cellule T trasformato. ( Xagena2014 )

de Masson A et al, Br J Dermatol 2014; 170 : 720-724

Dermo2014 Onco2014 Ema2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

È stato descritto che il trattamento dei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente ( RRMS ) con Alemtuzumab ( Lemtrada )...


Alemtuzumab ( Lemtrada ), un anticorpo anti-CD52, ha dimostrato di essere più efficace dell'Interferone beta-1a nel trattamento della sclerosi multipla...


Sono stati pubblicati due casi di grave infiammazione a livello del sistema nervoso centrale dopo terapia con Alemtuzumab (...


La leucemia linfocitica granulare a grandi cellule T ( T-LGL ) è una malattia linfoproliferativa che si presenta con citopenia...


Alemtuzumab ( Lemtrada ) ha dimostrato di revertire alcune delle disabilità fisiche associate alla sclerosi multipla recidivante-remittente. Alemtuzumab è un anticorpo...


I pazienti con leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico ( CLL ) che richiedono terapia iniziale sono spesso anziani...


La leucemia linfatica cronica ( CLL ) recidivata / refrattaria rappresenta una sfida clinica, in particolare quando si verificano mutazioni...


Lo studio randomizzato di fase 3 HOVON 68 CLL ( Haemato Oncology Foundation for Adults in The Netherlands 68 )...


I risultati intermedi del secondo anno dello studio di estensione di Alemtuzumab ( Lemtrada ) per la sclerosi multipla sono...


Alemtuzumab ( Lemtrada ), un anticorpo monoclonale anti-CD52, ha aumentato il rischio di disfunzione tiroidea nello studio di fase 2...