Alemtuzumab per via sottocutanea nella leucemia linfocitica cronica refrattaria a Fludarabina


Lo studio di fase II CLL2H ha valutato la sicurezza e l’efficacia di Alemtuzumab ( Campath, MabCampath ) per via sottocutanea in pazienti con leucemia linfocitica cronica refrattaria a Fludarabina ( Fludara ).

Sono stati valutati gli effetti sull’esito dei marcatori clinici e biologici.

Nello studio sono stati arruolati 109 pazienti e 103 hanno ricevuto almeno una dose di Alemtuzumab.

Dopo l’intensificazione del dosaggio, Alemtuzumab è stato somministrato per via sottocutanea a 30 mg 3 volte a settimana per un periodo fino a 12 settimane.

Le risposte sono state valutate ogni 4 settimane nel corso del trattamento e in seguito ogni trimestre.

Il tasso di risposta generale è stato del 34% ( risposta completa: 4%; risposta parziale: 30% ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 7.7 mesi e la sopravvivenza generale mediana di 19.1 mesi.

Neutropenia, trombocitopenia e anemia di grado da 3 a 4 sono state osservate, rispettivamente, nel 56%, 57% e 49% dei pazienti.
Infezioni non da citomegalovirus e da citomegalovirus di grado da 3 a 4 si sono manifestate nel 29% e nel 8% dei pazienti, rispettivamente.
Sono state riscontrate reazioni al sito di iniezione generalmente lievi.

L’efficacia non è variata in modo significativo nei sottogruppi definiti in base a parametri genetici ( in particolare nella delezione 17p, nella delezione 11q, in TP53 mutato e in VH non-mutato ), ma è risultata inferiore nei pazienti con aumento della beta2-microglobulina ( beta2-MG ) e della timidina chinasi ( TK ).

All’analisi multivariata delle variabili cliniche e biologiche, l’età, il performance status, il beta2-MG e la timidina chinasi sono risultati fattori prognostici indipendenti per la sopravvivenza generale.

In conclusione, Alemtuzumab per via sottocutanea sembra efficace e sicuro come Alemtuzumab per via endovenosa nella leucemia linfocitica cronica refrattaria a Fludarabina.
La somministrazione per via sottocutanea dovrebbe essere preferita per la sua efficacia, la sua convenienza, il miglior profilo di eventi avversi e per il risparmio economico.
Al contrario del trattamento basato sulla chemioterapia, quello con Alemtuzumab permette di evitare l’impatto prognostico avverso della mutazione in VH, della mutazione in TP53 e delle aberrazioni genomiche. ( Xagena2009 )

Stilgenbauer S et al, J Clin Oncol 2009; 27: 3994-4001


Emo2009 Onco2009 Farma2009


Indietro

Altri articoli

È stato descritto che il trattamento dei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente ( RRMS ) con Alemtuzumab ( Lemtrada )...


Alemtuzumab ( Lemtrada ), un anticorpo anti-CD52, ha dimostrato di essere più efficace dell'Interferone beta-1a nel trattamento della sclerosi multipla...


Sono stati pubblicati due casi di grave infiammazione a livello del sistema nervoso centrale dopo terapia con Alemtuzumab (...


La leucemia linfocitica granulare a grandi cellule T ( T-LGL ) è una malattia linfoproliferativa che si presenta con citopenia...


Alemtuzumab ( Lemtrada ) ha dimostrato di revertire alcune delle disabilità fisiche associate alla sclerosi multipla recidivante-remittente. Alemtuzumab è un anticorpo...


I pazienti con leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico ( CLL ) che richiedono terapia iniziale sono spesso anziani...


La leucemia linfatica cronica ( CLL ) recidivata / refrattaria rappresenta una sfida clinica, in particolare quando si verificano mutazioni...


Lo studio randomizzato di fase 3 HOVON 68 CLL ( Haemato Oncology Foundation for Adults in The Netherlands 68 )...


I risultati intermedi del secondo anno dello studio di estensione di Alemtuzumab ( Lemtrada ) per la sclerosi multipla sono...


Alemtuzumab ( Lemtrada ), un anticorpo monoclonale anti-CD52, ha aumentato il rischio di disfunzione tiroidea nello studio di fase 2...