Uveite pediatrica: Adalimumab riduce l'infiammazione nei pazienti resistenti agli steroidi


Un nuovo studio ha mostrato che il farmaco biologico Adalimumab ( Humira ) può rappresentare una valida opzione di trattamento per i pazienti con uveite pediatrica refrattaria steroido-resistente.

In uno studio che ha riguardato 15 bambini affetti da uveite, l’85.7% di questi ha mostrato un iniziale miglioramento della attività infiammatoria della camera anteriore / posteriore dopo quasi tre mesi di trattamento.

L’uveite nei bambini è relativamente rara, ma se non controllata può alterare la visione e anche portare alla cecità o ad altre gravi complicazioni.
Spesso si verifica in concomitanza con altre condizioni come l'artrite idiopatica giovanile.
L’uveite pediatrica è una condizione cronica che richiede una terapia a lungo termine.

Mentre i corticosteroidi sono la prima linea di trattamento, i bambini possono diventare resistenti a questi farmaci, sviluppare significativi effetti collaterali.

Gli studi hanno dimostrato che circa un terzo dei bambini con uveite sviluppa una o più complicazioni.
I bambini con uveite associata ad artrite idiopatica giovanile sono particolarmente inclini a sviluppare cataratta, glaucoma, cheratopatia a banda, e tisi del bulbo.
Quando le complicazioni minacciano strutture vitali per la visione, la chirurgia d'urgenza può essere necessaria.

L'obiettivo dello studio è stato quello di valutare l'effetto di Adalimumab riguardo alla infiammazione oculare nei bambini con uveite refrattaria.

Adalimumab è un anticorpo monoclonale IgG1, ricombinante, umano, che ha come bersaglio il TNF-alfa.

Quindici pazienti ( 12 femmine, età media 12 anni ) con associata artrite idiopatica giovanile oppure granulomatosi sistemica giovanile familiare ( sindrome di Blau ) hanno preso parte allo studio.
Tutti i bambini erano stati precedentemente trattati con steroidi sistemici e Metotrexato, e alcuni di loro non avevano risposto alle terapie immunosoppressive come Ciclosporina e Azatioprina, così come ai farmaci biologici come Etanercept e Infliximab.

Dopo iniezione sottocutanea di Adalimumab ( il dosaggio era correlato al peso corporeo ), ogni due settimane per una media di 32 mesi, l’85.7% dei pazienti ha mostrato un miglioramento della attività infiammatoria della camera anteriore / posteriore, generalmente dopo sei settimane di trattamento.

Il trattamento con Adalimumab è stato considerato efficace in base ai criteri SUN ( Standardization of Uveitis Nomenclature ) Working Group nel 60% dei pazienti, anche se 4 pazienti sono risultati non-responder.

L’efficacia tendeva a diminuire nel tempo.

I risultati dello studio hanno indicato che Adalimumab è il primo farmaco biologico ragionevolmente efficace in caso di uveite non-infettiva refrattaria in pazienti in età pediatrica; inoltre presenta un profilo di effetti collaterali accettabile.
Sono stati osservati solo effetti collaterali minori al sito di iniezione. ( Xagena2013 )

Fonte: Journal of American Association for Pediatric Ophthalmology e Strabismus 2013

Oftalm2013 Pedia2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...