Trattamento basato su Adalimumab e farmaci antireumatici modificanti la patologia per trombosi venosa nella sindrome di Behçet


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli anticoagulanti.
Sono stati valutati l'efficacia clinica e l'effetto risparmiatore di corticosteroidi del trattamento basato su Adalimumab ( Humira ) rispetto alla terapia con farmaci antireumatici modificanti la malattia ( DMARD ) in un'ampia coorte retrospettiva di pazienti con trombosi venosa correlata a sindrome di Behçet.

Sono stati raccolti dati retrospettivi su 70 pazienti con sindrome di Behçet trattati con DMARD o regimi basati su Adalilumab ( Adalimumab con o senza DMARD ) a causa di complicanze venose.
Sono state eseguite valutazioni cliniche e di imaging per definire la risposta vascolare.
Sono state esaminate le differenze nei risultati tra regimi basati su Adalimumab e DMARD riguardo all'efficacia, al ruolo di risparmiatore di corticosteroidi e al tempo di trattamento.
È stato anche valutato il ruolo degli anticoagulanti come trattamento concomitante.

Dopo un periodo di follow-up medio di 25.7 mesi, i regimi basati su Adalimumab hanno indotto un miglioramento clinico e dell'imaging della trombosi venosa più frequentemente ( P=0,001 ) e rapidamente ( P minore di 0.0001 ) rispetto ai DMARD.

La dose media di corticosteroidi somministrati durante l'ultima visita di follow-up è stata significativamente inferiore con regimi basati su Adalimumab rispetto a DMARD ( P minore di 0.0001 ).

Il tempo in trattamento è stato significativamente più lungo con Adalimumab più DMARD rispetto ai soli DMARD ( P=0.002 ).

Non sono state riscontrate differenze in termini di efficacia e tempo di trattamento tra regimi basati su DMARD o Adalimumab tra i pazienti che hanno ricevuto anticoagulanti e quelli che non ne hanno ricevuti.

In conclusione, in questo ampio studio retrospettivo, è stato dimostrato che i regimi basati su Adalimumab sono più efficaci e rapidi dei DMARD nell'indurre la risoluzione della trombosi venosa nei pazienti affetti da sindrome di Behçet, consentendo la riduzione dell'esposizione a steroidi.
Inoltre, i risultati suggeriscono che l'anticoagulazione non modifica l'efficacia di regimi basati su Adalimumab o DMARD per le complicanze venose. ( Xagena2018 )

Emmi G et al, Arthritis & Rheumatology 2018; 70: 1500-1507

Reuma2018 Emo2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...