Terapia con Adalimumab associata a ridotto rischio di ospedalizzazione nei pazienti con colite ulcerosa


Adalimumab ( Humira ) è efficace per l'induzione e il mantenimento della remissione nei pazienti con colite ulcerosa da moderata a grave.
E’ stato valutato se Adalimumab, in aggiunta alla terapia standard per la colite ulcerosa, fosse in grado di ridurre il rischio di ospedalizzazione ( per tutte le cause, per le complicazioni di colite ulcerosa, o per i farmaci usati per il trattamento ) e la colectomia nei pazienti con colite ulcerosa da moderata a grave, rispetto al placebo.

Sono stati presi in esame dati aggregati di pazienti che avevano ricevuto terapia di induzione ( una dose di 160 mg seguita da una dose di 80 mg di Adalimumab ) oppure placebo in 2 studi ( ULTRA 1 e ULTRA 2; n=963 ).

I rischi di ospedalizzazione e di colectomia sono stati confrontati tra i gruppi utilizzando tassi non-rettificati durante il periodo di induzione di 8 settimane, e tassi rettificati per anno-paziente durante 52 settimane.

Sono state osservate entro le prime 8 settimane della terapia con Adalimumab, rispetto al placebo, riduzioni significative del rischio di ospedalizzazione per tutte le cause, correlata a colite ulcerosa e correlata a colite ulcerosa o ai farmaci ( rispettivamente, 40%, 50%, e 47%; P minore di 0.05 per tutti i confronti ).

Tassi significativamente più bassi di incidenza di ospedalizzazione per tutte le cause ( 0.18 vs 0.26; P=0.03 ), correlata a colite ulcerosa ( 0.12 vs 0.22; P=0.002 ) e correlata a colite ulcerosa o ai farmaci ( 0.14 vs 0.24; P=0.005 ) sono stati osservati durante 52 settimane di terapia con Adalimumab rispetto al placebo.

I tassi di colectomia non sono risultati significativamente differenti tra i pazienti trattati con Adalimumab rispetto al placebo.

In conclusione, nei pazienti con colite ulcerosa da moderata a grave, l'aggiunta di Adalimumab al trattamento standard ha ridotto il numero di ricoveri per qualsiasi causa, così come per cause correlate a colite ulcerosa e complicanze da colite ulcerosa o correlate ai farmaci, rispetto al placebo. ( Xagena2014 )

Feagan BG et al, Gastroenterology 2014;146:110-118.e3

Gastro2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...