Terapia anti-TNF-alfa: Adalimumab migliora la sensibilità all'insulina nei pazienti non-diabetici con psoriasi


La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica associata a un aumentato rischio di morte cardiovascolare.
Diversi studi hanno dimostrato un effetto benefico della terapia anti-TNF-alfa sui meccanismi associati all’accelerato processo di aterogenesi nei pazienti con artrite infiammatoria, tra cui un miglioramento della sensibilità all'insulina.

In uno studio, ricercatori spagnoli hanno cercato di determinare per la prima volta se l'anticorpo monoclonale anti-TNF-alfa Adalimumab ( Humira ) fosse in grado di migliorare la sensibilità all'insulina nei pazienti non-diabetici con psoriasi.

Lo studio prospettico ha riguardato pazienti non-diabetici consecutivi affetti da psoriasi moderata-grave, osservati presso l’Ospedale Universitario Marques de Valdecilla ( Spagna del Nord ) che hanno completato 6 mesi di terapia con Adalimumab ( 80 mg alla settimana 0 seguita da 40 mg a settimane alterne, a partire dalla prima settimana dopo la dose iniziale ).

Sono stati esclusi i pazienti con malattia renale cronica, ipertensione o indice di massa corporea ( BMI ) maggiore o uguale a 35 kg/m2.

E’stata effettuata all’inizio del trattamento ( tempo 0 ) e al mese 6, una valutazione metabolica e clinica, tra cui la valutazione della sensibilità all'insulina mediante l’indice QUICKI ( Quantitative Insulin Sensitivity Check Index ).

Sono stati esaminati 29 pazienti ( 52% donne, 38.6 ± 10.7 anni ) con psoriasi da moderata a grave [ superficie corporea ( BSA ) 37.9 ± 16.3% ; indice PASI ( Psoriasis Area and Severity Index ) pari a 18.9 ± 7.8 ].

Un miglioramento statisticamente significativo della sensibilità all'insulina ( p=0.008 ) è stato osservato dopo 6 mesi di terapia con Adalimumab ( QUICKI al tempo 0: 0.35 ± 0.04 vs 0.37 ± 0.04 a 6 mesi ).

A 6 mesi è stato anche riscontrato un significativo miglioramento della velocità di sedimentazione eritrocitaria, proteina C-reattiva ultrasensibile, area di superficie corporea, indice PASI, indice NPSI ( Nail Psoriasis Severity Index ) ( P inferiore a 0.05 per ciascuna variabile ).

In conclusione, i risultati supportano un effetto benefico del blocco anti-TNF-alfa sui meccanismi associati all’aterogenesi accelerata nei pazienti con psoriasi. ( Xagena2014 )

Pina T et al, J Eur Acad Dermatol Venereol 2014; Epub ahead of print

Dermo2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...