Risposte cliniche e vascolarizzazione sinoviale nei pazienti obesi con artrite reumatoide trattati con Adalimumab e Metotrexato


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia rispetto ai pazienti non-obesi.
Una analisi post-hoc dello studio MUSICA ha confrontato le misure di imaging e di attività della malattia clinica in pazienti obesi e non-obesi con artrite reumatoide.

MUSICA ha valutato Metotrexato 20 mg/settimana rispetto a 7.5 mg/settimana in combinazione con Adalimumab ( Humira ) in pazienti con artrite reumatoide con una risposta inadeguata a Metotrexato.
I pazienti sono stati classificati in base all'indice di massa corporea ( BMI ) al basale come normali ( inferiore a 25 ), sovrappeso ( da maggiore o uguale a 25 a inferiore a 30 ) o obesi ( maggiore o uguale a 30 ).

Alle settimane 12 e 24 sono stati valutati vascolarizzazione sinoviale e ipertrofia, conta delle articolazioni gonfie e dolenti ( SJC e TJC ), risposte ACR ( American College of Rheumatology ) e bassa attività di malattia, definite come indice CDAI ( Clinical Disease Activity Index ) inferiore a 10 e punteggio DAS ( Disease Activity Score ) in 28 articolazioni utilizzando la proteina C reattiva ( DAS28-CRP ) inferiore a 3.2.

Le caratteristiche dei pazienti erano simili tra i gruppi al basale.

I pazienti obesi hanno avuto variazioni numericamente inferiori dal basale alle settimane 12/24 nella conta delle articolazioni gonfie e dolenti, nel punteggio DAS28-CRP e ipertrofia sinoviale e vascolarizzazione rispetto ai pazienti non-obesi.

Significativamente meno pazienti obesi hanno raggiunto ACR20 / ACR50 alle settimane 12 e 24 e bassa attività di malattia alla settimana 12; questa differenza era particolarmente evidente nei pazienti che avevano ricevuto Metotrexato 7.5 mg / settimana, ma non era più significativa alla settimana 24.

In conclusione, i pazienti obesi con artrite reumatoide presentavano risposte cliniche ed ecografiche peggiori rispetto ai pazienti non-obesi, che sono state parzialmente superate nel tempo.
I pazienti obesi possono avere migliori e più rapidi miglioramenti clinici se la somministrazione di Adalimumab inizia ad alte dosi ( 20 mg / settimana ) rispetto a basse dosi di Metotrexato. ( Xagena2018 )

Kaeley GS et al, Journal of Rheumatology 2018, 45: 1628-1635

Reuma2018 Endo2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...