Ottimizzazione riuscita della terapia con Adalimumab nella uveite refrattaria dovuta alla malattia di Behçet


Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie di pazienti con uveite dovuta alla malattia di Behçet che hanno raggiunto la remissione dopo l'uso di questo agente biologico.

È stato condotto uno studio multicentrico in aperto di pazienti trattati con Adalimumab con uveite BD refrattaria agli immunosoppressori convenzionali, con 65 su 74 pazienti con uveite dovuta a malattia di Behçet che hanno raggiunto la remissione dopo una durata media di somministrazione di Adalimumab di 6 mesi.
Adalimumab è stato ottimizzato in 23 di essi ( 35.4% ).
Questo agente biologico è stato mantenuto alla dose di 40 mg per 2 settimane per via sottocutanea nei restanti 42 pazienti.

Dopo la remissione, basandosi su una decisione condivisa tra il paziente e il medico curante, Adalimumab è stato ottimizzato.
Quando è stato raggiunto un accordo tra paziente e medico, l'ottimizzazione è stata eseguita prolungando progressivamente l'intervallo di dosaggio di Adalimumab.
È stato eseguito il confronto tra pazienti ottimizzati e non-ottimizzati.

Le principali misure di esito erano efficacia, sicurezza ed economicità in gruppi ottimizzati e non-ottimizzati.
Per determinare l'efficacia, sono state valutate l'infiammazione intraoculare ( cellule della camera anteriore, vitreite e vasculite retinica ), lo spessore maculare, l'acuità visiva e l'effetto di risparmio dei glucocorticoidi.

Nessuna differenza demografica o oculare è stata riscontrata al momento dell'inizio di Adalimumab tra i gruppi ottimizzati e quelli non-ottimizzati.

La maggior parte degli esiti oculari erano simili dopo un follow-up medio di 34.7 e 26 mesi nei gruppi ottimizzato e non-ottimizzato, rispettivamente.

Tuttavia, effetti indesiderati rilevanti sono stati osservati solo nel gruppo non-ottimizzato ( linfoma, polmonite, grave reazione locale nel sito di iniezione e batteriemia da Escherichia coli, 1 ciascuno ).

Inoltre, i costi medi del trattamento con Adalimumab erano più bassi nel gruppo ottimizzato rispetto al gruppo non-ottimizzato ( 6.101.25 euro / paziente / anno vs 12.339.48; P minore di 0.01 ).

L'ottimizzazione di Adalimumab nella uveite da malattia di Behçet ,refrattaria alla terapia convenzionale, è efficace, sicura ed economica. ( Xagena2018 )

Martín-Varillas JL et al, Ophthalmology 2018; 125: 1444-1451

Oftalm2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...