Formazione di anticorpi contro Adalimumab nei pazienti con psoriasi


In una coorte di 29 pazienti con psoriasi a placche seguiti per 24 settimane, sono stati frequentemente trovati anticorpi anti-farmaco ( ADA ) clinicamente rilevanti diretti verso Adalimumab ( Humira ).
È stata ora presentata l'estensione di questo studio con 80 pazienti seguiti per 1 anno.

Sono stati valutati il grado di anticorpi anti-farmaco e le sue conseguenze cliniche dopo 24 settimane di trattamento con Adalimumab per la psoriasi a placche su 80 pazienti mediante uno studio di coorte multicentrico, eseguito nei reparti di Dermatologia di 2 ospedali universitari.

Il periodo di follow-up è stato di 1 anno.

I valutatori non erano a conoscenza della presenza di anticorpi anti-Adalimumab o della concentrazione sierica di Adalimumab nel valutare il punteggio PASI dei pazienti ( Psoriasis Area and Severity Index ), e il personale che ha analizzato i campioni di siero non conosceva i punteggi PASI dei pazienti.

Per gli 80 pazienti trattati con Adalimumab per la psoriasi, è stata valutata la gravità della malattia ( PASI ), sono stati raccolti campioni di sangue e le concentrazioni di Adalimumab e di anticorpi anti-farmaco sono state determinate al basale e alle settimane 12, 24 e 52.

Gli anticorpi anti-farmaco si sono formati nel 49% dei pazienti, prima di 24 settimane nel 90% di essi.

Le concentrazioni di Adalimumab e di anticorpi anti-farmaco, la risposta clinica e la concentrazione di anticorpi anti-farmaco, e la concentrazione di Adalimumab e la risposta clinica avevano correlazioni, rispettivamente, di -0.872, -0.606 e 0.519.

L'intervallo di dosaggio di Adalimumab è risultato ridotto a causa della mancanza di efficacia in 15 pazienti, 7 con anticorpi anti-farmaco e 8 senza; un miglioramento nello stato di responder si è verificato in 1 su 7 e in 4 su 8, rispettivamente.

In conclusione, i pazienti senza alcuna formazione di anticorpi anti-farmaco nelle prime 24 settimane di trattamento hanno poche possibilità di svilupparli nelle 24 settimane successive.
La presenza di anticorpi anti-farmaco è fortemente correlata alla concentrazione di Adalimumab e influenza notevolmente la risposta clinica.
Se gli anticorpi anti-farmaco sono presenti, un accorciamento dell’intervallo di dose è meno utile. ( Xagena2014 )

Menting SP et al, JAMA Dermatol 2014;150:130-136

Dermo2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...