Esiti del paziente nell'artrite reumatoide: Sarilumab superiore ad Adalimumab nel dolore, funzione fisica e misure di qualità di vita correlate alla salute


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha mostrato maggiore efficacia sugli esiti riferiti dal paziente tra gli adulti con artrite reumatoide, rispetto alla monoterapia con Adalimumab ( Humira ).

Ad esempio, per il dolore valutato su una scala analogica visiva ( VAS ) a 100 punti, i cambiamenti medi alla settimana 24 sono stati -36.19 tra i pazienti che hanno ricevuto Sarilumab e -27.41 per quelli trattati con Adalimumab, per una differenza quadratica media tra i gruppi di -8.78 ( IC 95% da -13.66 a -3.90; P inferiore a 0.001 ).

Inoltre, la funzione fisica misurata alla scala HAQ-DI ( Health-Assessment Disability Index ) è migliorata maggiormente nel gruppo Sarilumab, con una variazione media di -0.61, rispetto a una variazione di -0.43 nel gruppo Adalimumab, per un intervallo tra differenza di gruppo di -0.18 ( IC 95% da -0.31 a -0.06; P inferiore a 0.005 ).

L'endpoint primario dello studio di fase III, noto come MONARCH, ha riscontrato benefici clinici significativamente maggiori con Sarilumab, un inibitore dell'interleuchina-6 ( IL-6 ), che con l'inibitore del fattore di necrosi tumorale ( TNF ) Adalimumab alle misurazioni standard di studi clinici come il punteggio di attività di malattia in 28 articolazioni ( Disease Activity Score in 28 joints; DAS-28 ).

Per esplorare ulteriormente gli effetti del trattamento, sono stati analizzati i risultati per più esiti riferiti dal paziente tra 369 pazienti che non erano in grado di tollerare o erano responder inadeguati al Metotrexato.
I partecipanti sono stati randomizzati a Sarilumab, 200 mg ogni 2 settimane, o ad Adalimumab, 40 mg ogni 2 settimane, per 24 settimane.
Alla settimana 16, i pazienti trattati con Adalimumab che non avevano risposto hanno avuto la possibilità di assumere settimanalmente il trattamento, mentre l'incremento della dose non era consentito nel gruppo Sarilumab.
Al basale, l'età media dei pazienti era di 52 anni e la maggior parte erano donne di razza bianca. La durata media della malattia era compresa tra 7 e 8 anni e vi era una sostanziale riduzione della funzionalità e della qualità di vita.

Alla settimana 24, le variazioni sulla componente fisica del Short Form 36 ( SF-36 ), che misura la qualità di vita correlata alla salute, erano 8.74 nel gruppo Sarilumab e 6.09 nel gruppo Adalimumab, per una differenza tra i gruppi di 2.65 ( IC 95% 1.15-4.15; P inferiore a 0.001 ).

Nella valutazione globale del paziente ( PGA; Patient Global Assessment ), le variazioni erano -33.30 e -24.82, rispettivamente, per una differenza tra gruppi di -8.48 ( IC 95%, da -13.24 a -3.72; p inferiore a 0.001 ).

Anche la rigidità mattutina ha mostrato miglioramenti maggiori con Sarilumab, con variazioni di -35.08 contro -29.29, per una differenza tra gruppi di -5.80 ( IC 95%, da -11.10 a -0.50; P inferiore a 0.05 ).

E sulla misura RAID ( RA Impact of Disease ), le variazioni erano -3.08 e -2.30, per una differenza tra gruppi di -0.78 ( IC 95%, da -1.23 a -0.32, P inferiore a 0.001 ).

I miglioramenti superiori alle minime differenze clinicamente importanti alla settimana 24 sono stati più spesso osservati con Sarilumab che con Adalimumab, come segue: HAQ-DI, 67.4% versus 54.1%, P inferiore a 0.01; punteggio componente fisico SF-36, 68.5% vs 54.1%, P inferiore a 0.005; RAID, 43.5% vs 29.7%, P inferiore a 0.01; rigidità mattutina, 73.9% vs 62.2%, P inferiore a 0.05.

Non sono state osservate differenze significative tra Sarilumab e Adalimumab su un numero di altri risultati riferiti dal paziente, inclusa la componente mentale di Short Form 36; il numero di giorni di lavoro persi; giorni con ridotta produttività lavorativa; e giorni persi con le attività familiari, sociali o di svago.

Un numero consistente di pazienti in entrambi i gruppi di trattamento ha raggiunto valori normativi su diverse misure, tra cui le scale HAQ-DI, SF-36 e fatica.

Questi dati hanno indicato che il raggiungimento dei valori normativi è ora un obiettivo ragionevole per la terapia dell'artrite reumatoide.
Ridurre l'impatto dell'artrite reumatoide sulla vita dei pazienti è un obiettivo terapeutico importante e questi dati hanno indicato che la monoterapia con Sarilumab può portare a migliori benefici riferiti dal paziente rispetto alla monoterapia con un antireumatico modificante la malattia ( DMARD ) biologico ampiamente utilizzato come Adalimumab. ( Xagena2018 )

Fonte: Arthritis Research & Therapy, 2018

Reuma2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...