Artrite reumatoide: Adalimumab riduce la rigidità aortica indipendentemente dal suo effetto sull'attività di malattia


L’artrite reumatoide è associata a un aumento della morbilità cardiovascolare e della mortalità attribuita ai tradizionali fattori di rischio cardiovascolare e/o all'infiammazione sistemica cronica.

I ricercatori hanno studiato l'effetto di un antagonista del TNF, Adalimumab ( Humira ), sulla rigidità aortica nei pazienti con artrite reumatoide.

Sono stati studiati 18 pazienti con artrite reumatoide e malattia attiva nonostante la terapia con farmaci antireumatici modificanti la malattia ( DMARD ), trattati con Adalimumab (da solo o in combinazione con un DMARD ) per 12 settimane.
Diciotto pazienti con artrite reumatoide trattati con Metotrexato sono stati inseriti come controlli.

I marcatori di attività di malattia, nonché gli indici di rigidità aortica ( velocità dell'onda di polso carotido-femorale [ PWV ], indice di aumento aortico [ Aix ] ), sono stati misurati al basale e alla fine del trattamento.

I pazienti sono stati classificati come responder ( riduzione punteggio DAS28 [ Disease Activity Score ] superiore a 1.2 ) oppure non-responder.

C'è stata una diminuzione statisticamente significativa per quanto ha riguardato PWV ( da 8.18 ± 2,03 a 7.01 ± 1,78 m/s, p=0.00006 ) e DAS28 ( da 6.65 ± 1.22 a 4.69 ± 1.46, p=0.00007 ) nei pazienti con artrite reumatoide trattati con Adalimumab.

La diminuzione di PWV è stata osservata sia nei responder ( n=12 ) sia nei non-responder ( n=6 ).

L'analisi multivariata ha mostrato che la diminuzione di PWV era indipendente dalle variazioni di attività della malattia o altri parametri.
Non c’è stato alcun cambiamento significativo nella PWV nei pazienti trattati con Metotrexato ( da 8.87 ± 1.91 a 8.41 ± 2,17, p=0.29 ).
Non è stata osservata alcuna variazione significativa nell’indice Aix o nei tradizionali fattori di rischio cardiovascolare.

Il trattamento con Adalimumab ha ridotto significativamente la rigidità aortica nei pazienti con artrite reumatoide, indipendentemente dalla loro risposta alla terapia.
Questi risultati indicano un effetto diretto protettivo di Adalimumab a livello della parete vascolare nei pazienti con artrite reumatoide. ( Xagena2014 )

Vassilopoulos D et al, Clin Rheumatol 2014; Epub ahead of print

Reuma2014 Cardio2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...