Adalimumab per idrosadenite suppurativa


L’idrosadenite suppurativa è una malattia infiammatoria della cute, dolorosa e cronica, con poche opzioni per un trattamento efficace.
In uno studio di fase 2, Adalimumab ( Humira ), un anticorpo anti-TNF-alfa,ha mostrato efficacia contro l’idrosadenite suppurativa.

PIONEER I e II erano studi di fase 3 multicentrici con uguale disegno, ed hanno valutato Adalimumab nella idrosadenite suppurativa, con due periodi in doppio cieco controllati con placebo.
Nel periodo 1, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale, in un rapporto 1:1, a 40 mg di Adalimumab settimanale oppure placebo, per 12 settimane.
Nel periodo 2, i pazienti sono stati riassegnati ad Adalimumab settimanale o a settimane alterne oppure a placebo, per 24 settimane.

L'endpoint primario era una risposta clinica, definita come una riduzione di almeno il 50% rispetto al basale nella conta di ascessi e noduli infiammatori, senza aumento della conta di ascessi o fistole drenanti alla settimana 12.

Sono stati arruolati 307 pazienti in PIONEER I e 326 in PIONEER II.

Le percentuali di risposta clinica alla settimana 12 sono state significativamente più alte per i pazienti trattati con Adalimumab settimanale che per i gruppi trattati con placebo: 41.8% vs 26.0% in PIONEER I ( P=0.003 ) e 58.9% vs 27.6% in PIONEER II ( P minore di 0.001 ).

I pazienti trattati con Adalimumab hanno mostrato un miglioramento significativamente maggiore rispetto ai gruppi placebo negli esiti secondari ( lesioni, dolore e punteggio Sartorius modificato per la gravità della malattia ) alla settimana 12 nel solo PIONEER II.

Gli eventi avversi gravi nel periodo 1 ( escluso il peggioramento della patologia di base ) si sono verificati nell’1.3% dei pazienti trattati con Adalimumab e nell’1.3% di quelli trattati con placebo in PIONEER I e nell’1.8% e 3.7% dei pazienti, rispettivamente, in PIONEER II.

Nel periodo 2, i tassi di eventi avversi gravi sono stati pari al 4.6% o inferiori in tutti i gruppi in entrambi gli studi, con differenze significative tra i gruppi.

In conclusione, il trattamento con Adalimumab ( 40 mg a settimana ), rispetto al placebo, ha determinato significativamente più elevati tassi di risposta clinica in entrambi gli studi a 12 settimane; i tassi di eventi avversi gravi sono risultati simili nei gruppi di studio. ( Xagena2016 )

Kimball AB et al, N Engl J Med 2016; 375: 422-434

Dermo2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...