Adalimumab è sicuro ed efficace nei pazienti con uveite refrattaria


I bloccanti del fattore di necrosi tumorale ( TNF ) hanno dimostrato di essere efficaci nel trattamento delle malattie infiammatorie sistemiche e oculari.

Ricercatori hanno condotto uno studio clinico di fase II, prospettico, in aperto, multicentrico, per valutare l'efficacia e la sicurezza di Adalimumab ( Humira ), un anticorpo monoclonale anti-TNF enteramente umano, nel trattamento della uveite refrattaria.

Sono stati arruolati soggetti con uveite non-infettiva refrattaria ai corticosteroidi e ad almeno un altro farmaco immunosoppressivo.

L’endpoint composito era costituito da acuità visiva, infiammazione intraoculare, capacità di ridurre il dosaggio degli immunosoppressori, e l'imaging del segmento posteriore.

La risposta clinica è stata definita come un miglioramento in almeno un parametro, nessun peggioramento, e infiammazione intraoculare ben controllata.

Alla settimana 10, i responder sono stati autorizzati a continuare a ricevere Adalimumab per la durata dello studio di 50 settimane.

Ventuno dei 31 pazienti ( 68% ) sono stati definiti responder clinici a 10 settimane; di questi 12 pazienti ( 39% ) presentavano risposta duratura dopo 50 settimane.

Il motivo più comune per l’interruzione dello studio era l’inefficacia primaria o secondaria.

Nessun paziente ha sperimentato tossicità in grado di limitare il trattamento.

In conclusione, Adalimumab è risultato sicuro ed efficace nel 68% dei pazienti con uveite refrattaria, 10 settimane dopo l’arruolamento; l’efficacia si è mantenuta a 1 anno nel 39%. ( Xagena2013 )

Suhler EB et al, Br J Ophthalmol 2013; 97: 481-486

Oftalm2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Sono stati valutati efficacia, sicurezza e rapporto costo-efficacia dell'ottimizzazione della terapia con Adalimumab ( Humira ) in una vasta serie...


I pazienti obesi con artrite reumatoide riportano più gonfiore articolare e dolorabilità e spesso hanno risposte più scarse alla terapia...


Il successo della sospensione del trattamento nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica in stato di remissione rimane sconosciuto. Lo studio ABILITY-3...


Nei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica ( axSpA ) che raggiungono una remissione prolungata della malattia con Adalimumab ( Humira...


La psoriasi del cuoio capelluto, dei palmi delle mani e/o delle piante dei piedi e delle unghie è difficile da...


Da una analisi post-hoc di uno studio clinico randomizzato è emerso che la monoterapia con Sarilumab ( Kevzara ) ha...


Poiché la sindrome di Behçet è il prototipo della trombosi indotta da infiammazione, gli immunosoppressori sono raccomandati al posto degli...


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore reversibile orale delle Janus chinasi JAK1 e JAK2 che può avere valore terapeutico...


Tofacitinib ( Xeljanz ) è un inibitore orale della Janus chinasi per il trattamento dell'artrite reumatoide. L'ORAL ( Oral Rheumatoid Arthritis...


La Commissione Europea ( CE ) ha rilasciato l’autorizzazione all'immissione in commercio per il biosimilare di Adalimumab Imraldi. Il farmaco...