Vitamina D: marcatore prognostico nel cancro al seno trattato con terapia standard più Acido Zoledronico


Da una analisi preliminare dello studio AZURE è emerso che le pazienti affette da tumore alla mammella con insufficienti livelli di vitamina D hanno una prognosi meno favorevole dopo la terapia standard più Acido Zoledronico ( Zoledronato; Zometa ), rispetto a quelli con livelli normali di vitamina D.

Lo studio AZURE ( N Engl J Med 2011 ) aveva messo a confronto la terapia standard con o senza Acido Zoledronico 4 mg in 3.360 pazienti con carcinoma mammario di stadio II-III.

L'Acido Zoledronico è indicato per ridurre e ritardare le complicanze ossee nei pazienti oncologici con metastasi ossee.

Dopo un periodo di follow-up mediano di 53.3 mesi, non è stata trovata alcuna differenza tra i gruppi di trattamento per l'endpoint primario di sopravvivenza libera da malattia ( hazard ratio [ HR ] per Acido Zoledronico, 1.15 ).
Tuttavia una analisi dei sottogruppi ha mostrato significativi benefici nelle donne in post-menopausa ( HR=0.75 ).

In un sottogruppo di 872 pazienti dello studio originale, sono stati esaminati i livelli basali sierici di 25-Idrossivitamina-D [ 25(OH)D ], propeptide N-terminale del procollagene di tipo I ( PinP; un marcatore della formazione ossea ), e telopeptide C-terminale del collagene di tipo I ( beta-CTx; un marcatore di riassorbimento osseo ) per vedere se esisteva correlazione con i risultati.

Un livello PinP al di sopra di 70 ng/mL è stato considerato anormale, come un livello di beta-CTx al di sotto di 0.299 ng/mL.
Per la vitamina D, i livelli al di sotto di 30 ng/mL sono stati considerati insufficienti.

Quasi la metà delle donne nel sottogruppo ( 46.9% ) erano in premenopausa; il 30.5% era in postmenopausa da più di 5 anni, e il 14.1% era in postmenopausa da meno di 5 anni.

Dall'analisi è emerso che né i livelli di PinP né quelli di beta-CTX erano predittivi di esito. In particolare, non sono emerse differenze significative tra i pazienti con livelli anormali di PinP e quelli con livelli normali sia nel tempo alla recidiva ossea ( HR=1.15, p=0.5957 ) sia nel tempo alla recidiva a distanza ( HR=0.86; P=0.4098 ).

Allo stesso modo, i pazienti con normali e anormali livelli di beta-CTX hanno presentato tempi simili alla recidiva ossea ( HR=1.43, p=0.592 ) e tempi alla recidiva a distanza ( HR=1.21, p=0.2559 ).

Dallo studio è emerso che PinP non sembra avere alcun valore prognostico nel predire sia la recidiva ossea sia la recidiva a distanza.
E’ stata osservata una tendenza che indica che gli alti valori di CTx sono associati a prognosi non-favorevole, senza tuttavia essere statisticamente significativo sia per la recidiva ossea sia per la recidiva a distanza.

Al contrario, sufficienti livelli di vitamina-D hanno predetto in modo significativo un più basso rischio di recidiva ossea ( HR=0.11, p=0.0257 ).
E’ stata riscontrata anche una tendenza verso una prognosi migliore per recidiva a distanza ( HR=0.56; p=0.0519 ).

Infine, le donne in post-menopausa con sufficienti livelli di vitamina D appaiono trarre più vantaggio dal trattamento con Acido Zoledronico ( HR=0.09 ), rispetto a quelli con livelli insufficienti ( HR=0.72 ), tale differenza si è avvicinata alla significatività statistica ( P=0.0747 ).

Le donne in premenopausa hanno risposto meno bene all’Acido Zoledronico, senza alcun impatto dei livelli sufficienti ( HR=1.45 ) o insufficienti ( HR=1.44 ) di vitamina D.

Fonte: 35th Annual San Antonio Breast Cancer Symposium ( SABCS ), 2012


Gyne2012 Onco2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

La durata ottimale della soppressione degli androgeni per gli uomini con tumore prostatico localmente avanzato che ricevono radioterapia con intenzione...


Il mieloma multiplo è caratterizzato dalla produzione di paraproteine ​​monoclonali e da lesioni osteolitiche, che spesso portano a eventi correlati...


STAMPEDE ( Systemic Therapy for Advanced or Metastatic Prostate Cancer: Evaluation of Drug Efficacy ) è uno studio randomizzato controllato...


Il tumore della prostata refrattario alla castrazione ( CRPC ) metastatico alle ossa ha una prognosi infausta ed elevata morbilità....


L'efficacia degli attuali trattamenti per l'osteoporosi è limitata dalla scarsa compliance del paziente. Tuttavia, il favorevole regime posologico a base...


La somministrazione di Acido Zoledronico ( Zometa ) in combinazione con terapia endocrina adiuvante è risultata associata a un significativo...


L’Acido Zoledronico ( Zometa ) diminuisce il rischio di eventi scheletrici negli uomini con carcinoma prostatico sensibile a castrazione e...


L’activina-A è espressa nell’osso e sembra regolare l’osteoclastogenesi. In uno studio, l’activina-A sierica era aumentata nelle donne in postmenopausa con...


I rischi di sviluppare insufficienza renale e carenza di calcio dovuti al farmaco per l’osteoporosi Acido Zoledronico ( Aclasta )...


L’Acido Zoledronico ( Zometa ) riduce gli eventi di tipo scheletrico nei pazienti con carcinoma alla mammella, ma sono sorti...