Mieloma multiplo: il trattamento con Talidomide e Acido Zoledronico aumenta la sopravvivenza e riduce gli eventi correlati all’apparato scheletrico


I pazienti con mieloma multiplo presentano un significativo miglioramento della sopravvivenza quando trattati con Talidomide ( Thalomid ) combinato con Acido Zoledronico ( Zometa ), un bifosfonato, come trattamento di induzione.
I pazienti trattati in modo intensivo o non-intensivo con un regime contenente Talidomide più Acido Zoledronico tendono a vivere più a lungo e ad avere meno eventi scheletro-correlati, rispetto ai pazienti trattati con altra chemioterapia e Clodronato ( Clasteon ).
I pazienti che hanno ricevuto un regime non-intensivo di Talidomide e Acido Zoledronico hanno presentato un rischio di mortalità più basso del 17% ( valore statisticamente significativo ) nel periodo di quasi 4 anni di follow-up, rispetto a quelli che hanno ricevuto chemioterapia senza Talidomide e con Clodronato.
La terapia intensiva contenente Talidomide più Acido Zoledronico è risultata associata a un miglioramento del 16% nella sopravvivenza complessiva e a un miglioramento del 10% nella sopravvivenza libera da progressione; tuttavia nessuna di queste relazioni è risultata statisticamente significativa.
Nel complesso, il tasso di eventi correlati all’apparato scheletrico è stato inferiore del 26% con Acido Zoledronico che con Clodronato ( P=0.0004 ).

Questi dati rappresentano un’analisi aggiornata di uno studio, che ha coinvolto 2000 pazienti.
I pazienti allocati a chemioterapia intensiva sono stati ulteriormente assegnati in modo casuale a Ciclofosfamide, Vincristina, Doxorubicina e Desametasone, oppure alla combinazione di Ciclofosfamide, Talidomide e Desametasone. Tutti i pazienti hanno ricevuto inoltre una dose elevata di Melfalan e sono stati sottoposti a trapianto di cellule staminali.
I pazienti assegnati al trattamento non-intensivo hanno ricevuto un regime attenuato di Ciclofosfamide, Talidomide e Desametasone, oppure terapia con Melfalan più Prednisone.
Successivamente, i pazienti di entrambi i gruppi sono stati randomizzati a ricevere Acido Zoledronico oppure Clodronato fino alla progressione della malattia.

Gli endpoint primari dello studio erano rappresentati da sopravvivenza generale, sopravvivenza libera da progressione, e tasso di risposta generale, mentre gli endpoint secondari comprendevano eventi correlati all’apparato scheletrico e sicurezza.

Il periodo di follow-up è stato di 3.7 anni.

Nel braccio intensivo, il 43% dei pazienti trattati con Ciclofosfamide, Talidomide e Desametasone hanno mostrato un risposta parziale molto buona, rispetto al 28% dei pazienti trattati con Ciclofosfamide, Vincristina, Doxorubicina e Desametasone ( P inferiore a 0.0001 ).
Il tasso di risposta è risultato simile tra i pazienti che avevano ricevuto Acido Zoledronico o Clodronato.

L’analisi di sopravvivenza ha mostrato un trend a favore dell’Acido Zoledronico rispetto al Clodronato riguardo sia alla sopravvivenza generale sia alla sopravvivenza libera da progressione ( P=0.065, P=0.173 ).

Tra i pazienti assegnati al regime chemioterapico non-intensivo, quelli trattati con Ciclofosfamide, Talidomide e Desametasone hanno presentato una sopravvivenza generale del 30%, contro il 4% di quelli trattati con Melfalan e Prednisone ( P inferiore a 0.0001 ).
Il trattamento con Acido Zoledronico più Ciclofosfamide, Talidomide e Desametasone è risultato associato a un tasso di risposta del 34%, rispetto al 26% del Clodronato più Ciclofosfamide, Talidomide e Desametasone ( P=0.11 ).
I pazienti assegnati a Melfalan e Prednisone hanno presentato un maggior tasso di risposta con l’Acido Zoledronico rispetto al Clodronato ( 6% vs 2%, P=0.045 ).

La sopravvivenza generale è risultata significativamente superiore con l’Acido Zoledronico che con Clodronato ( hazard ratio, HR=0.83, P=0.049 ).
E’ stato riscontrato un trend a favore dell’Acido Zoledronico per la sopravvivenza libera da progressione ( HR=0.87, P=0.065 ).

Riguardo agli eventi correlati all’apparato scheletrico, i pazienti nel braccio chemioterapico non-intensivo hanno mostrato una riduzione del 26% di tali eventi con Ciclofosfamide, Talidomide e Desametasone, rispetto a Melfalan e Prednisone ( P=0.021 ), e una riduzione del 28% con l’Acido Zoledronico, rispetto al Clodronato ( P=0.017 ).

Nel braccio terapia intensiva, i pazienti assegnati alla terapia di induzione hanno presentato tassi di eventi correlati all’apparato scheletrico simili. Tuttavia, l’assegnazione all’Acido Zoledronico era associata a una riduzione del 24% del rischio di eventi scheletrici ( P=0.017 ). ( Xagena2011 )

Fonte: International Conference on Cancer-Induced Bone Disease, 2011



Emo2011 Farma2011 Endo2011 Onco2011


Indietro

Altri articoli

La durata ottimale della soppressione degli androgeni per gli uomini con tumore prostatico localmente avanzato che ricevono radioterapia con intenzione...


Il mieloma multiplo è caratterizzato dalla produzione di paraproteine ​​monoclonali e da lesioni osteolitiche, che spesso portano a eventi correlati...


STAMPEDE ( Systemic Therapy for Advanced or Metastatic Prostate Cancer: Evaluation of Drug Efficacy ) è uno studio randomizzato controllato...


Il tumore della prostata refrattario alla castrazione ( CRPC ) metastatico alle ossa ha una prognosi infausta ed elevata morbilità....


L'efficacia degli attuali trattamenti per l'osteoporosi è limitata dalla scarsa compliance del paziente. Tuttavia, il favorevole regime posologico a base...


La somministrazione di Acido Zoledronico ( Zometa ) in combinazione con terapia endocrina adiuvante è risultata associata a un significativo...


L’Acido Zoledronico ( Zometa ) diminuisce il rischio di eventi scheletrici negli uomini con carcinoma prostatico sensibile a castrazione e...


L’activina-A è espressa nell’osso e sembra regolare l’osteoclastogenesi. In uno studio, l’activina-A sierica era aumentata nelle donne in postmenopausa con...


I rischi di sviluppare insufficienza renale e carenza di calcio dovuti al farmaco per l’osteoporosi Acido Zoledronico ( Aclasta )...


L’Acido Zoledronico ( Zometa ) riduce gli eventi di tipo scheletrico nei pazienti con carcinoma alla mammella, ma sono sorti...