Etosuximide, Acido Valproico e Lamotrigina nell'epilessia pediatrica con crisi di assenza


L’epilessia pediatrica con crisi di assenza, la più comune sindrome epilettica pediatrica, è normalmente trattata con Etosuximide ( Zarontin ), Acido Valproico ( Depakin ) o Lamotrigina ( Lamictal ), ma non è stato definito il trattamento empirico iniziale più efficace e tollerabile.

In uno studio in doppio cieco, randomizzato e controllato, sono stati confrontati l’efficacia, la tollerabilità e gli effetti neuropsicologici di Etosuximide, Acido Valproico e Lamotrigina in bambini con nuova diagnosi di epilessia pediatrica con crisi di assenza.

Le dosi del farmaco sono state aumentate in modo incrementale fino alla scomparsa delle crisi, al raggiungimento della massima dose consentita o tollerabile o al raggiungimento del criterio che indica il fallimento del trattamento.

L’esito primario era l’assenza del fallimento del trattamento dopo 16 settimane di terapia; l’esito secondario era rappresentato dall’alterazione dell’attenzione.

Gli effetti differenziali dei farmaci sono stati determinati con confronti a coppie.

I 453 bambini assegnati in maniera casuale a trattamento con Etosuximide ( n=156 ), Lamotrigina ( n=149 ) o Acido Valproico ( n=148 ) mostravano caratteristihe demografiche simili.

Dopo 16 settimane di terapia, i tassi di assenza del fallimento per Etosuximide e Acido Valproico sono risultati simili ( 53% e 58%, rispettivamente; odds ratio, OR con Acido Valproico vs Etosuximide, 1.26; P=0.35 ), e sono risultati più alti del tasso rilevato per Lamotrigina ( 29%; odds ratio con Etosuximide vs Lamotrigina, 2.66; odds ratio con Acido Valproico vs Lamotrigina, 3.34; P<0.001 per entrambi i confronti ).

Non sono state osservate differenze significative tra i 3 farmaci per quanto riguarda l’interruzione a causa di eventi avversi.

La disfunzione di attenzione è risultata più comune con Acido Valproico che con Etosuximide ( nel 49% dei bambini vs 33%; odds ratio, 1.95; P=0.03 ).

In conclusione, Etosuximide e Acido Valproico sono più efficaci di Lamotrigina nel trattamento dell’epilessia pediatrica con crisi di assenza.
Etosuximide è associato a meno effetti avversi di attenzione. ( Xagena2010 )

Glauser TA et al, New Engl J Med 2010; 362: 790-799


Farma2010 Neuro2010


Indietro

Altri articoli

La recidiva è la causa principale del fallimento dopo trapianto allogenico di cellule staminali ( Allo-SCT ) per la leucemia...


L’epilessia sintomatica è una complicanza comune del glioblastoma e richiede una terapia farmacologica. Diverse serie di casi retrospettivi non-controllate e...


È stata effettuata un’analisi per valutare se i farmaci antiepilettici possano modulare l’efficacia della radiochemioterapia con Temozolomide ( Temodal )...


L'uso di Acido Valproico ( Valproato; Depakin ) nel primo trimestre di gravidanza è associato a un aumento del rischio...


E’ noto che l’Acido Valproico se assunto come antiepilettico nel primo trimestre di gravidanza sia associato a un rischio aumentato...


I genitori frequentemente riportano un aumento della durata del sonno per i propri figli durante trattamento con Acido Valproico (...


I Ricercatori della Dalhousie University di Halifax, in Canada, hanno compiuto uno studio retrospettivo sulla terapia di combinazione con Lamotrigina...


Difetti del campo visivo come conseguenza del trattamento con Vigabatrin ( Sabril ), un farmaco antiepilettico, sono stati ampiamente riportati.Tuttavia,...


La combinazione di un agente che causa ipometilazione del DNA con un inibitore dell’istone deacetilasi ha un’attività sinergistica di tipo...